Vino: asta Ornellaia da 104.000 euro a New York

0
26
Ornellaia 2014 L'Essenza

Per il progetto Ornellaia Vendemmia d’Artista, avviato nel 2009 che si propone il coinvolgimento di un artista contemporaneo di fama internazionale per interpretare il carattere unico di ogni singola vendemmia, la tenuta di Bolgheri ha incaricato l’artista brasiliano Ernesto Neto per la 9° edizione che vede il tema: Ornellaia 2014 “L’Essenza”. http://www.ornellaia.com/it/vendemmia-d-artista/

Ieri, 27 Aprile, ORNELLAIA è stata protagonista di un’asta benefica con 9 lotti che hanno incluso le speciali bottiglie create da Ernesto Neto per Ornellaia 2014 L’Essenza – Vendemmia d’Artista in una cena durante la quale Jamie Ritchie, Sotheby’s CEO & President – Americas & Asia, ha raccolto all’asta 104.000 Euro: fondi che sono stati interamente devoluti alla location che ha ospitato l’evento: Solomon R. Guggenheim Museum and Foundation di New York, diretto da Richard Armstrong.

“Stiamo parlando di un vino, un succo sacro che viene dalle piante” – queste le parole dell’artista brasiliano Ernesto Neto, che continua – “Ho pensato al tempo, il tempo dei cicli del vino, in questo tempo, che noi viviamo così rapidamente e che il vino vive lentamente, perché è frutto della natura. E la natura è lenta. Vedo le piante, come soggetto della nostra civiltà, una mano dell’uomo nel buio più complete. Vedo la luce piena al centro del tronco e sui frutti della vite. Vedo i semi e tutto quanto proveniente dal buio arrivare alla sua luce. Questo disegno è una sorta di mio vecchio disegno aggiornato; ne ho fatti molti in passato, pensando al tempo che scorre, ai cicli della vita, che iniziano e finiscono per poi ricominciare di nuovo, così fine e inizio si baciano”.

Per interpretare Ornellaia 2014 ‘L’Essenza’ l’artista brasiliano Ernesto Neto si è ispirato al punto focale della sua attuale ricerca artistica: l’esplorazione dello sciamanesimo come scienza, i fenomeni naturali e i mestieri artigianali nati intorno alle comunità. Nel 2014 Neto ed i membri della tribù Huni Kuin, hanno intrapreso una serie di collaborazioni artistiche che analizzano i rituali e le tradizioni sciamaniche. La vita spirituale delle tribù, il loro desiderio di guarigione in armonia con la natura, la saggezza e la serenità che traggono dal loro legame profondo con l’energia del pianeta, hanno introdotto nel lavoro di Neto una nuova consapevolezza della forza della natura e delle dinamiche che la regolano. Traendo ispirazione da queste tradizioni, dagli sciamani e dalle loro ritualità, le opere recenti dell’artista parlano di trasformazione e aggiungono diversi significati alla sua indagine sulla connettività in una dimensione sociale ed ecologica.

Per Ornellaia Vendemmia d’Artista Ernesto Neto ha deciso di sposare il progetto cercando di comunicare l’equilibrio naturale proprio delle nostre società moderne attraverso l’intersecarsi delle maglie con le quali ha voluto ricoprire le 111 bottiglie grande formato da lui vestite: 100 bottiglie doppio Magnum (3 litri), 10 bottiglie Imperiali (6 litri) e un’unica Salmanazar (9 litri) a rappresentare un’organizzazione che prevede un solo Re, dieci Signori e un popolo di cento fedeli, illustrando così quell’equilibrio che deve essere trovato nel cuore di ogni comunità in cui la gerarchia è essenziale per poter vivere in armonia all’interno di un gruppo e all’unisono con Madre Natura.

Inoltre l’Artista ha realizzato l’etichetta della bottiglia 0,750 di Ornellaia: un esemplare verrà inserito in ogni cassa in legno da 6 bottiglie.

Per Axel Heinz, Direttore ed enologo di Ornellaia la vendemmia 2014 ha il carattere de ‘L’Essenza’ – “Per cercare di fare un grande vino quando si è di fronte a un’annata difficile, bisogna semplicemente limitarsi a estrapolarne l’essenza” – queste le sue parole, che continuano “L’annata 2014 è stata una piacevole e inaspettata sorpresa: nonostante le forti piogge e le basse temperature che hanno segnato la fase di maturazione, i mesi di settembre e ottobre hanno fatto registrare perfette condizioni climatiche per una maturazione tardiva, capace di far esprimere al frutto il massimo della sua vivacità e della sua freschezza. In seguito si è optato per una raccolta scrupolosa e accurata volta a cogliere soltanto i grappoli del tutto sani e pienamente maturi. Ciò che colpisce particolarmente di quest’annata è l’elevata qualità dei tannini al palato: setosi, raffinati, senza spigolosità. Il 2014 sarà ricordato in Toscana per aver avuto un’estate tra le più insolite. Un inverno caldo e piovoso è stato, infatti, seguito da una primavera mite e secca, con un luglio tipicamente nella media e un agosto nuovamente freddo e piovoso. Tutto questo ha creato condizioni difficili per la maturazione delle uve. Poi, la svolta a settembre e ottobre con temperature perfette e tempo per lo più soleggiato e secco, ottime condizioni per la maturazione delle uve, in particolare del Merlot. Con tale clima c’è stato molto lavoro in vigna, a seconda dei nostri vari sottosuoli. I nostri Cabernet Sauvignon e Merlot amano un clima fresco, grazie alla nostra particolare conoscenza del terroir, abbiamo così portato le diverse condizioni meteorologiche a nostro favore. Ornellaia sottolinea la differenza fondamentale nel terroir della costa e della Toscana centrale”

“Il Solomon R. Guggenheim Museum è stata entusiasta di ospitare Ornellaia, Sotheby’s e il celebre artista Ernesto Neto per la 9° edizione del progetto Vendemmia d’Artista con il tema de L’Essenza. Siamo onorati che Ornellaia abbia scelto il museo Guggenheim per questa spettacolare cena di gala con asta benefica e siamo riconoscenti per il suo generoso sostegno. Come il vino, l’arte ha un significato universale “. Richard Armstrong, Direttore del Museo Solomon R. Guggenheim e della Fondazione

“Oggi Vendemmia d’Artista giunge alla 9°edizione e continuano le donazioni per il restauro del patrimonio artistico internazionale – dice Giovanni Geddes da Filicaja, AD di ORNELLAIA, che prosegue  siamo riusciti a devolvere in otto anni più di 1 Milione di euro in tutto il mondo, solo una piccola goccia nel mare, e ora vorremmo crescere ancora”.

“La serie Ornellaia Vendemmia d’Artista è un modo meraviglioso di combinare le caratteristiche di ogni annata di Ornellaia con l’interpretazione di un artista di classe mondiale in quell’anno specifico” – questo il pensiero di Jamie Ritchie, Sotheby’s CEO & President – Americas & Asia, che prosegue –  “Per la nona edizione, il dipartimento Vini di Sotheby’s è stato lieto di continuare la collaborazione in esclusiva con il lancio di Ornellaia 2014 L’Essenza – Vendemmia d’Artista, attraverso una cena molto speciale e la vendita all’asta a beneficio di Guggenheim New York”.

Curatori d’Arte del progetto Ornellaia Vendemmia d’Artista sono Bartolomeo Pietrimarchi (Curatore, MAXXI, Museo Nazionale delle Arti del XXI secolo) e Maria Alicata.

** ORNELLAIA **

Per 700 anni la famiglia Frescobaldi ha unito la tradizione, l’esperienza e l’innovazione con la creatività e la ricerca dell’eccellenza. La famiglia ha sempre guardato a sviluppare e celebrare la diversità dei terroir della Toscana, essendo orgogliosi proprietari di alcuni dei più grandi vigneti in questa regione, cercando sempre di mantenere l’identità e l’autonomia di ogni proprietà.

ORNELLAIA, percepita come una delle cantine iconiche al mondo, è controllata dalla famiglia e ha prosperato sotto la loro proprietà. E ‘solo una delle tenute di proprietà della famiglia al fianco di ATTEMS (Friuli), MASSETO, DANZANTE, Luce della Vite e delle 6 Tenute FRESCOBALDI (Nipozzano, Castelgiocondo, Pomino, Ammiraglia, Castiglioni, Remole).

La sua filosofia vede la nascita del vino come espressione più vera del proprio territorio di origine. Le uve per Ornellaia sono selezionate a mano e raccolte nei vigneti di proprietà a Bolgheri, sulla costa toscana. La diversa natura dei terreni della tenuta – marini, alluvionali e vulcanici – è ideale per la coltivazione di Cabernet Sauvignon, Merlot, Cabernet Franc e Petit Verdot. La Tenuta comprende una superficie vitata di 97 ettari sulla costa Toscana, a pochi passi dal borgo medioevale di Bolgheri e dal celebre viale dei cipressi. Il costante lavoro del team e le condizioni microclimatiche e geologiche ottimali hanno portato in un ventennio – il 1985 è stata la prima annata di Ornellaia – i vini della tenuta a grandi successi internazionali. Ornellaia 1998 è stato nominato vino dell’anno nel 2001 dalla rivista americana Wine Spectator. Ornrellaia ottiene i più alti riconoscimenti dal Wine Advocate e dai critici James Suckling ed Antonio Galloni. Nel 2011 la testata tedesca Der Feinschmecker ha assegnato ad Ornellaia il suo premio più ambito, il Weinlegende. Numerosi  i riconoscimenti ottenuti a livello nazionale e internazionale con la presenza costante ai vertici delle principali guide enologiche italiane: Gambero Rosso, Espresso, Veronelli, Duemilavini AIS, Luca Maroni.

ERNESTO NETO, nato nel 1964 a Rio de Janeiro, dove tutt’ora vive e lavora, Ernesto Neto ha studiato presso la Escola de artes visuais do Parque Lage di Rio dal 1994 al 1997, frequentando contestualmente il Museo di Arte Moderna di San Paolo. La ricerca artistica di Ernesto Neto, conosciuto per le sue grandi installazioni realizzate con la tecnica dell’uncinetto, garze, spezie e pietre, trae ispirazione da un’ampia varietà di fonti: da tradizioni moderniste dell’astrazione biomorfica, l’Arte Povera ed il Minimalismo Americano, fino alle recenti eredità del Neoconcretismo brasiliano, riuscendo ad unire influenze apparentemente disparate in un linguaggio coerente ed armonioso. Fin dagli anni novanta Ernesto Neto ha creato un corpus di opere in cui elementi come l’improvvisazione e il caso, si interconnettono con la geometria e la forza di gravità dando forma ad un linguaggio unico nel suo genere. Il lavoro dell’artista connette mente e corpo attraverso l’esperienza dello spazio, utilizzando la percezione sensoriale per allineare la dimensione fisica e quella psicologica dello spettatore. Insieme questi aspetti costituiscono la firma ed un vocabolario unico che ha influenzato una generazione di artisti in tutto il mondo rendendone Neto uno dei più apprezzati ed importanti.

GUGGENHEIM, fondato nel 1937, la Fondazione Solomon R. Guggenheim è dedicata a promuovere la comprensione e l’apprezzamento di arte moderna e contemporanea, attraverso mostre, programmi educativi, iniziative di ricerca e pubblicazioni. Il Solomon R. Guggenheim Museum, New York, grazie a Peggy Guggenheim Collection, sì è unito a Venezia nel 1979 e da allora ha continuato ad ampliarsi per includere il Museo Guggenheim di Bilbao (aperto 1997), e il Guggenheim Abu Dhabi (attualmente in sviluppo). La Fondazione Guggenheim continua a stringere collaborazioni internazionali che prendono l’arte contemporanea, l’architettura, il design e al di là delle pareti del museo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here