Home Vitigni Vespolina

    Vespolina

    0
    206

    Il vitigno Vespolina è una varietà autoctona a bacca scura diffusa soprattutto in Lombardia dove fa parte dell’uvaggio dell’Oltrepò Pavese, e nel Piemonte Orientale dove viene utilizzato in piccole percentuali in alcune denominazioni regionali quali il Bramaterra, il Ghemme, il Gattinara, il Boca, e il Coste della Sesia.

    Informazioni sul vitigno vespolina prese dal Registro Nazionale delle Varietà di Vite.

    Grappolo a maturità industriale: di media grandezza; mediamente compatto; allungato, cilindrico o conico, assai sovente con una sola ala alquanto sviluppata. Peduncolo lungo, erbaceo (semilegnoso solo all’inserzione sul tralcio), sottile, di lunghezza pari a circa un terzo di quella del grappolo, che si può mediamente ritenere di cm 15.

    - Advertisement -servizi web per cantine

    Acino: di media grossezza; ellissoide, regolare; con ombelico prominente, non persistente; a sezione trasversale circolare, regolare; buccia di color turchino scuro quasi nero, regolarmente distribuito, pruinosa ma non molto, piuttosto sottile e poco consistente; succo incolore o molto leggermente rosato; polpa molle, succosa; sapore semplice; pedicello di media lunghezza, di color verde oliva; cercine poco evidente, di color rosso-ruggine o verde; pennello di media lunghezza, di color rosso feccioso; separazione del pedicello dall’acino abbastanza facile.

    Foglia: piccola; pentagonale; quinquelobata. Seno peziolare ad U largo (talvolta anche a lira; nei cloni novaresi); seni laterali superiori a bordi sovrapposti od a lira chiusa assai profondi; seni laterali inferiori pure a bordi sovrapposti ed a lira chiusa, abbastanza profondi. Lembo piano (o anche a coppa: nel clone pavese), con superficie lievemente bollosa; lobi piani (o anche contorti: nel clone novarese); angolo della sommità dei lobi terminali acuto. Pagina superiore di color verde; pagina inferiore di color verde-chiaro anche sulle nervature principali, cotonose anche su dette nervature, di cui quelle di 1°, 2°, 3° grado sono sporgenti. Denti laterali irregolari, con margini rettilinei oppure concavi da un lato e convessi dall’altro, generalmente uncinati verso l’apice, a base larga.

    Visita il database dei vitigni.

    Segui & Condividi

    750FansMi piace
    274FollowerSegui
    12,210FollowerSegui
    - Advertisement -
    servizi web per cantine
    - Partner -
    Winery Tasting Sicily
     = NEWSLETTER =
    Ogni martedì le news del vino italiano nella tua casella di posta elettronica.
    Invia
    Niente spam e ti puoi cancellare quando vuoi.
    close-link