Al via il Bibenda Summer Camp, la tre giorni dedicata ai temi della comunicazione

0
27
vino

Torna in Sicilia il Bibenda Summer Camp, l’evento di apertura della nuova stagione di Fondazione Italiana Sommelier e Bibenda in programma tra Randazzo e Castiglione di Sicilia da domani, venerdì 6 settembre, fino a domenica 8, con apertura lavori a partire dalle 9,30 al Palmento Costanzo (Contrada Santo Spirito, Passopisciaro, Castiglione di  Sicilia). Il presidente FIS Paolo Di Caro, illustrerà il programma della tre giorni dedicata ai temi della comunicazione, dello storytelling e del servizio del vino, e aprirà la prima sessione didattica coordinata da Daniela Scrobogna, responsabile nazionale della Didattica, che assieme a Giovanni Lai, Maurizio Saggion e Luciano Ferlito e lo  stesso  Di Caro, quest’anno  compone il Comitato Scientifico.

“Sarà una tre giorni riservata a chi, da docente, aspirante docente o sommelier voglia scommettersi insieme a Fondazione nella divulgazione della cultura del vino e dell’olio extravergine d’oliva – anticipa il presidente Paolo Di Caro – si succederanno incontri e degustazioni di grande livello, ma sarà anche un’occasione “comunitaria”, per divertirsi insieme, conoscersi meglio, condividere la passione e l’amore per questo mondo straordinario”.

L’evento sarà ospitato quest’anno in due suggestive cantine: domani e sabato al Palmento Costanzo, domenica all’azienda Cottanera, Strada Provinciale, 89 – Contrada Iannazzo, 95030 Castiglione di Sicilia CT.

Tra gli eventi in programma: domani, venerdì 6 settembre (ore 15,00/17,00) si terrà la lezione/degustazione, plenaria, “Il Riesling e la degustazione. Dalla Mosella alle sperimentazioni del nostro territorio” coordinata dal giornalista Francesco Pensovecchio.

Alle 17,30/19,30, al via due laboratori con Daniela Scrobogna: Nerello Mascalese versus Barolo. Il “blind tasting” per scoprire con i sensi (e con le parole) affinità, differenze, suggestioni.

Cena alle 21, Etna Quota Mille contrada Marzarola, Randazzo (CT).

Sabato, 7 settembre, si  svolgeranno tre lezioni: la prima, tenuta da Giovanni Lai (ore 9/11 e dalle 15,30/17.30) riservata a docenti e aspiranti docenti sul “Public Speaking: laboratorio interattivo per raccontare, interpretare, trasmettere conoscenze ed emozioni legate al vino, alla sua storia, ai protagonisti, al marketing”; la seconda, plenaria (ore 11/13) con Daniela Scrobogna “Biologico, biodinamico, “naturale”, orange: vecchie e nuove tendenze, fra degustazione e marketing”; la terza plenaria, (18/19,30) con Maurizio Saggion “Il raccolto dei racconti” con la presentazione “interattiva e suggestiva” del saggio dello stesso Saggion sulle grandi storie dell’olio extravergine d’oliva italiano di qualità. Con degustazione di oli.

In programma anche (ore 9/11 e 15.30/17.30) i laboratori per i Sommelier di servizio.
Cena “Tradizione in Vigna” fra i filari di Santo Spirito alla cantina Palmento Costanzo.

Domenica, 8 settembre, il Camp si sposta alle cantine Cottanera, con una visita in vigna e in cantina (9/10,30) cui seguirà un racconto/degustazione con Paolo Di Caro e Giovanni Lai, “Storie di uomini, donne e famiglie del vino, Cottanera, fra tradizione ed innovazione”.

Articolo precedenteLa vendemmia protagonista del Pantelleria DOC Festival
Articolo successivoFranciacorta Ca’ del Bosco personalizzati
Fabio Italiano
Classe 1968, nato e cresciuto nella cantina del ristorante di famiglia, ho avuto il privilegio di conoscere i migliori vini del mondo grazie a mio padre. Tra le mie mani ho visto passare il meglio della produzione vinicola italiana e francese: dal Sassicaia (allora ancora semplice Vino da Tavola) ai vari cru di Barbaresco di Angelo Gaja, fino ai super famosi Château Margaux, Château Lafite Rothschild, Petrus, solo per nominarne alcuni. Tra un servizio ai tavoli e l’altro, ho anche trovato il tempo per laurearmi in Ingegneria presso l’Università degli Studi di Palermo. Il 23-11-1998, giorno del mio 30esimo compleanno, mi trasferisco in Olanda per amore, dove ancora oggi vivo con mia moglie e i miei due figli. Bereilvino.it è il mio hobby e non mi ritengo un esperto di vino ma solo un appassionato!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here