Occhione: l’estate secondo Campo di Sasso

0
100
Occhione Campo di Sasso

In estate si sa, aumentano le occasioni di convivialità e si preferiscono ricette più fresche. L’abbinamento perfetto vede in prima linea vini bianchi da bere insieme a piatti freddi, leggeri, magari a base di pesce. La risposta arriva dall’Occhione, il primo vino bianco della Tenuta Campo di Sasso.

Annata 2022, è un bianco marino e originale, prodotto in un numero limitato di bottiglie, che racconta fedelmente le sue sfumature di snellezza, leggerezza e decisione. Caratteristiche che ritroviamo anche nel suo nome, per il quale si è preso spunto da una specie protetta di uccello acquatico raro, l’occhione appunto, che nidifica nelle dune e nei sabbioni di Marina di Bibbona, poco distante dalla tenuta.

I vigneti dimorano su terreni alluvionali di medio impasto con un misto di sabbia e ciottoli. Il sistema d’impianto è a cordone speronato con densità di 6.500 ceppi/ha. Le uve appena raccolte vengono messe in contenitori BINS con ghiaccio secco per mantenerle a temperature comprese tra i 13 e 16 °C. Caricate su carrelli vengono immediatamente trasportate in cantina dove vengono selezionate su un nastro di cernita e poi messe in un torchio per la pigiatura. Il mosto fermenta in serbatoi di acciaio a temperatura controllata.

Composto per il 90% da Vermentino e per il restante 10% da altre varietà a bacca bianca, Occhione ha un colore giallo paglierino brillante alla vista; si caratterizza al naso per note spiccatamente minerali, agrumate e di fiori bianchi con note tropicali, mentre in bocca è fresco, piacevole e armonico, con un finale sapido che invita al nuovo assaggio. Un bianco dotato di una spiccata piacevolezza, prodotto con l’uso esclusivo di acciaio in modo da non alterare la naturale espressività delle varietà impiegate. Il finale è fresco e delicatamente agrumato. Piacevolissimo, intrigante e di grande bevibilità. Abbinamenti: ottimo in abbinamento a svariate ricette della cucina di mare, a ricche frittate di verdure e a formaggi grassi.

Prezzo: a partire da 17,50 euro

A proposito di Biserno

Il progetto ha inizio nel 2001 quando i fratelli Lodovico e Piero Antinori assieme al nipote Niccolo’ Marzichi Lenzi (Amministratore delegato dell’azienda), figlio della sorella Ilaria, e al socio Umberto Mannoni, decisero di dargli vita iniziando a scrivere la storia di Tenuta di Biserno e Tenuta Campo di Sasso. Ubicata nel comune di Bibbona in Alta Maremma, confina a nord con lo storico villaggio di Bolgheri. Il terroir eccezionale, conglomerato unico di Bolgheri, le condizioni naturali, l’esposizione ai venti, il suolo e il clima permettono vitigni di altissima qualità favorendo il successo dei nostri vini rendendoli unici, autentici e riconoscibili. Tenuta di Biserno ha un’estensione di circa 40 ettari e si trova a 90 m.s.l.m.

I terreni, principalmente alluvionali, argillo-calcarei, ricchi di carbonato di calcio e ciottolosi sono coltivati principalmente con Cabernet Franc, Merlot, Cabernet Sauvignon e Petit Verdot. L’influenza del mare di fronte e la diversa esposizione è parte integrante per la produzione delle due versioni stilistiche di: Biserno e Il Pino di Biserno. Tenuta Campo di Sasso ha un’estensione di circa 56 ettari ed una altitudine piu’ bassa. I terreni sono più sabbiosi ed il clima è più caldo durante i mesi estivi. Queste condizioni sono ideali per la coltivazione di Syrah e di Vermentino oltre che alle altre varietà di vitigni bordolesi. I vini prodotti in questa area sono l’Insoglio del Cinghiale e l’Occhione.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale e rimani aggiornato sulle novità del panorama vitivinicolo italiano. Prova, ti puoi cancellare quando vuoi!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here