Premio Michelin Passion for Wine 2020 a Rino Billia

0
18
Premio Michelin Passion for Wine 2020 a Rino Billia
Premio Michelin Passion for Wine 2020 a Rino Billia

Rino Billia di Le Petit Restaurant di Cogne: è lui il vincitore del Premio Michelin Passion for Wine 2020 il riconoscimento istituito dalla famosa Guida Michelin e offerto dal  Consorzio del Vino Brunello di Montalcino.

La collaborazione tra la Guida Michelin Italia e il Grande Rosso Italiano, nata nel 2014, si rafforza grazie a questo riconoscimento speciale, quest’anno alla seconda edizione; e se l’anno scorso a Parma era stato premiato Augustin Devetak della Lokanda Devetak a San Michele del Carso, quest’anno la presentazione della Guida Michelin Italia 2020 a Piacenza ha visto il successo di Rino Billia.

“Passion for Wine” è il premio dedicato a chi, nel mondo della ristorazione italiana di eccellenza, si impegna nella diffusione dei valori legati alla conoscenza del vino, al suo consumo consapevole e alla valorizzazione di tutto il settore enologico di qualità del Belpaese. Un premio che, nell’ambito della 65esima edizione della Guida Michelin Italia 2020, ha visto dunque il riconoscimento del lavoro che Billia svolge ogni giorno a Cogne con dedizione e passione, doti indispensabili da trasmettere agli ospiti di Le Petit Restaurant.

“Per noi a Montalcino diffondere la cultura dell’eccellenza è fondamentale: è ciò che facciamo ogni giorno, dalla vigna alla cantina, in un continuo lavoro volto a valorizzare i frutti del nostro territorio. In questo senso, quindi, premiare chi fa altrettanto nei migliori ristoranti del nostro Paese è qualcosa che ci inorgoglisce” afferma Fabrizio Bindocci, presidente del Consorzio del Brunello di Montalcino. “E ci tengo a sottolineare che, come dentro a ogni bottiglia di Brunello c’è l’impegno di una squadra di persone, dentro a ogni ristorante di qualità c’è un lavoro corale, che un professionista come Billia sa valorizzare offrendo agli ospiti vini che esaltino al meglio i sapori e la cultura stessa dello straordinario patrimonio enogastronomico di cui l’Italia dispone”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here