Nuova immagine per il Rigoloccio

0

Al Rigoloccio è tempo di grandi novità. L’azienda vinicola maremmana, produttrice del pluripremiato Merlot Abundantia, lancia il nuovo logo e rinnova completamente anche la grafica del sito internet e delle etichette. La brand image, essenziale e moderna, esprime perfettamente la ricerca assoluta di autenticità e di eccellenza qualitativa che da sempre caratterizza il marchio toscano.

Il nuovo logo

Il legame con la terra è il punto di partenza di ogni scelta aziendale. I 23 ettari di proprietà si trovano a Gavorrano, in provincia di Grosseto. Le Colline Metallifere, ricche di metalli di tipo ferroso, conferiscono ai vini un’inconfondibile impronta gustativa.

Il nuovo logo tematizza la centralità dei vigneti attraverso un’elegante stilizzazione dei filari richiamando al tempo stesso anche la pirite, il minerale estratto nelle antiche miniere della zona. Il colore rosso rimanda, invece, alle uve a bacca scura che contraddistinguono la produzione del Rigoloccio: Merlot, Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, ma anche Petit Verdot e Alicante da cui nascono raffinati tagli bordolesi.

Il sito web

La continuità stilistica è garantita dal nuovo sito web www.rigoloccio.it, che si distingue per una grafica minimal e accattivante, giocata sui colori chiave rosso, bianco, nero e oro. La homepage mette al primo posto i vini e le loro caratteristiche, offrendo una panoramica della collezione di etichette del Rigoloccio. Le diverse sezioni tematiche veicolano informazioni sulla storia aziendale, la filosofia produttiva in vigna e in cantina, le news e gli altri prodotti del Rigoloccio, a partire dall’olio extravergine Igp Toscana.

Le etichette

Ma la vera novità riguarda il restyling del packaging e in particolare delle etichette. Ogni grande vino è un’opera d’arte e il suo contenitore deve essere all’altezza del contenuto. Da qui l’idea di commissionare il progetto all’artista russa Tamara Meskhi, che ha creato una serie di disegni dall’inconfondibile stile geometrico, con raffinati giochi di linee in bianco e nero.

Il vino top di gamma, ovvero il Merlot Abundantia Maremma Toscana Doc, è impreziosito da un intreccio di linee e piccoli cerchi, mentre l’etichetta del Cabernet Elegantia Maremma Toscana Doc i tratti sembrano formare degli scudi sovrapposti.

***

Rigoloccio

Creare una grande realtà vinicola e un traino per l’economia locale, proprio come l’antica miniera Rigoloccio lo era stata per l’industria mineraria. L’avventura del Rigoloccio nasce così, come il sogno di due amici maremmani doc, che nel 2002 acquistano i 23 ettari di terreni ai piedi del Monte Calvo e del borgo di Gavorrano. Sughere maestose e ulivi secolari fanno da contorno a 9 ettari da destinare a vigneto, e qui, la scelta è da subito audace: impiantare vitigni bordolesi, di respiro internazionale, ma con tutto il temperamento dei Supertuscan. A prendere in mano il progetto sono l’agronomo Pierre Marie Guillaume e l’enologo Fabrizio Moltard, che intuisce le potenzialità del territorio puntando su varietà d’Oltralpe. Scelta che si rivela vincente, portando in brevissimo tempo il Rigoloccio a diventare fra le aziende più rappresentative del Consorzio dei Vini della Maremma, come testimoniano premi e riconoscimenti ottenuti a livello nazionale.

Nel 2017, Rigoloccio vive una rivoluzione radicale, con un cambio di proprietà che dà il via a un profondo rinnovamento strutturale che coinvolge ogni suo singolo aspetto, da quello architettonico a quello dei processi di lavorazione e dell’organizzazione aziendale. I primi segni di questo nuovo corso intrapreso sono già visibili all’arrivo, con il particolarissimo muro di recinzione che corre parallelamente alla storica Strada Provinciale Gavorranese, e che ha esso stesso una storia da raccontare: i sassi ingabbiati da tondini di ferro e lastre di corten sono intervallati da elementi in legno, che altro non sono che vecchie traversine ferroviarie. Ma a trasformare radicalmente l’immagine del brand è il progetto della cantina e dell’annessa sala degustazioni, firmato dall’architetto Massimiliano Agostoni, rivisitazione in chiave contemporanea del più classico country style.

Share.

Leave A Reply

Tutte le news del vino direttamente nella tua casella di posta elettronica ogni martedì.

ISCRIVIMI 
Niente SPAM, e ti puoi cancellare quando vuoi!
close-link