1908-2018: Cielo e Terra celebra 110 anni di storicità proiettata al futuro

0

Quest’anno Cielo e Terra celebra un importante traguardo: 110 anni di qualità riconosciuta ed apprezzata in tutto il mondo, di passione e di spirito d’iniziativa, oltre che di importanti riconoscimenti.

Un lungo percorso che ha visto realizzare l’obiettivo ambizioso di Giovanni Cielo, che nel 1908 avviò una modesta produzione enologica all’interno del Podere Casa Defrà, presso Montorso Vicentino (VI), affidando poi al figlio Pietro ed ai nipoti Giovanni, Renzo e Piergiorgio l’affermazione dell’azienda.

Nel 1999 l’espansione progressiva di Cielo e Terra ha permesso di aprire la partecipazione azionaria alla Cantina Cooperativa Colli Berici, che oggi detiene il 51% delle quote, con oltre 1400 soci. Un Gruppo che, grazie al progetto di filiera corta, è in grado di garantire l’impiego di uve provenienti da più di 3400 ettari di vigneti coltivati con passione ed esperienza, nell’ottica di valorizzare il territorio dei Colli Berici.

Oggi, grazie all’impegno dell’attuale quarta generazione di imprenditori con Luca e Pierpaolo, Cielo e Terra promuove la qualità dei propri marchi (Freschello, Cent’anni, Casa Defrà, Famiglia Cielo, Terre Allegre ed Ekuò), attestando la presenza in oltre 60 paesi del mondo, in particolare Stati Uniti, Gran Bretagna, Germania, Cina e Russia.

Un’evoluzione esponenziale che ha raggiunto l’apice negli anni ‘90 con la nascita di Freschello, la linea che detiene il titolo di vino in bottiglia più venduto d’Italia nel formato 0,75 litri, nella GDO. Un prodotto che fa della leggerezza e della naturalità il suo grande punto di forza, la cui versatilità di utilizzo lo rende perfetto per accompagnare con una nota vivace le occasioni di festa, grazie alla gradazione alcolica contenuta. Recentemente rivisitato nella veste grafica, per rafforzare l’identità del brand e impreziosire ulteriormente l’allestimento della tavola con dettagli raffinati, le referenze della linea Freschello sono garantite dalla filiera corta, per assicurare ai consumatori la qualità delle uve 100% italiane, selezionate e lavorate con cura.

L’alto livello qualitativo nella gestione dei processi produttivi si coniuga, nella visione strategica di Cielo e Terra, con un modello di business che integra valori di natura etica. L’ecosostenibilità e il rispetto ambientale indirizza a questo scopo la ricerca, lo sviluppo e tutta l’attività produttiva, determinando scelte quotidiane e di processo volte ad applicare il principio della tutela ambientale in tutta la filiera, con l’obiettivo di generare benefici ecologici e sociali concreti.

Allo stesso tempo, il modello della Lean Organization, di cui l’azienda è pioniere come prima realtà vinicola italiana a introdurre un metodo di pensare e organizzare in modo snello l’attività produttiva, sostiene il valore delle persone, accrescendo le potenzialità ed eliminando sprechi e inefficienze.

Si aggiunge il primo bilancio integrato, un documento ideato per completare gli aspetti economici e finanziari con la sostenibilità d’impresa sociale e ambientale. Un ulteriore passo importante per incrementare la fiducia riposta nelle proprie risorse.

Dopo 110 anni dalla prima produzione, Cielo e Terra oggi vanta dunque grandi passi in avanti in termini di innovazione e di creazione di valore, offrendo il proprio know how a sostegno della green economy, della promozione territoriale ed aprendo un dialogo con le nuove generazioni per incentivare la passione per il lavoro e la cultura d’impresa.

Share.

Leave A Reply

Tutte le news del vino direttamente nella tua casella di posta elettronica ogni martedì. Iscriviti subito alla newsletter di Bereilvino.

ISCRIVIMI 
Niente SPAM, e ti puoi cancellare quando vuoi!
close-link