Tortoniano 2014: un Barolo di grande personalità

0
15
Barolo Tortoniano

Michele Chiarlo, una delle più importanti realtà vitivinicole del Piemonte, che crede e investe esclusivamente nei vitigni autoctoni, esce quest’anno con una versione particolare del Barolo Tortoniano, resa unica dal contribuito dei vigneti di Cerequio e Cannubi.

Le condizioni climatiche dell’annata 2014 hanno rappresentato una vera sfida in vigna: nei mesi di giugno e luglio, a causa delle frequenti piogge, si è dovuto intervenire con operazioni agronomiche manuali dispendiose e tempestive, come sfogliature e ulteriori diradamenti.

Questo tipo di approccio è stato determinante per la qualità finale delle uve, grazie anche alle buone condizioni climatiche di agosto e settembre che hanno permesso una perfetta maturazione. Il risultato è stata un’annata di estrema eleganza con tannini setosi già nella fase giovanile del vino.

E’ però tradizione per Michele Chiarlo di produrre i cru esclusivamente nelle grandi annate. Da qui la sofferta decisione di non imbottigliare i Barolo Cerequio e Cannubi 2014, ma di impiegare il risultato delle due vinificazioni, frutto di rese molto basse e terroir di eccellenza, nella produzione del Tortoniano 2014, donandogli un’eccezionale struttura, carattere e personalità per l’annata in oggetto.

In questo millesimo il Barolo Tortoniano si presenta con un profumo complesso di note di petali di rosa, bacche di ginepro, spezie fini e un gusto ampio, di buona struttura con una trama di tannini setosi.

Articolo precedenteSelezione del Sindaco, sul podio Austria e Portogallo
Articolo successivoTrasimeno Rosé Festival: il cuore rosa dell’Umbria
Fabio Italiano
Classe 1968, nato e cresciuto nella cantina del ristorante di famiglia, ho avuto il privilegio di conoscere i migliori vini del mondo grazie a mio padre. Tra le mie mani ho visto passare il meglio della produzione vinicola italiana e francese: dal Sassicaia (allora ancora semplice Vino da Tavola) ai vari cru di Barbaresco di Angelo Gaja, fino ai super famosi Château Margaux, Château Lafite Rothschild, Petrus, solo per nominarne alcuni. Tra un servizio ai tavoli e l’altro, ho anche trovato il tempo per laurearmi in Ingegneria presso l’Università degli Studi di Palermo. Il 23-11-1998, giorno del mio 30esimo compleanno, mi trasferisco in Olanda per amore, dove ancora oggi vivo con mia moglie e i miei due figli. Bereilvino.it è il mio hobby e non mi ritengo un esperto di vino ma solo un appassionato!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here