20 e 21 maggio 2023: Sala Baganza capitale della Malvasia

0
146
Festival della Malvasia

Tra eventi di successo nel segno della tradizione e nuove sorprese, sabato 20 e domenica 21 maggio a Sala Baganza si apre il sipario sul “Festival della Malvasia – Premio Coséta d’Or”, che quest’anno spegne 27 candeline. Un Festival diventato adulto, unico in Italia, capace negli anni di innovarsi e varcare i confini nazionali.

Comune di Sala Baganza, Pro loco e Consorzio di Tutela Vini Colli di Parma, offriranno un viaggio tra emozioni e sapori, con stand enogastronomici, degustazioni e le masterclass dei sommelier di AIS Parma-Emilia e il concorso per barman dell’Istituto Alberghiero “Magnaghi- Solari”. Una due giorni inserita nel calendario di Destinazione Emilia veramente per tutti e che si svolgerà anche in caso di maltempo.

Diverse saranno anche le iniziative collaterali che abbracceranno tutto il paese, dai “Negozi amici del Festival” che resteranno aperti, alla possibilità di visitare alcune cantine del territorio (per indirizzi e contatti, www.festivaldellamalvasia.it). Il Festival proporrà, inoltre, giochi per i più piccoli, l’opportunità di salire a bordo del trenino Enotour o di una pedalata in mountain bike per andare alla scoperta dei Boschi di Carrega, seguire la gara nazionale “Golf del Ducato”, oppure rilassarsi con le sedute di yoga proposte dall’Associazione Le Monadi. Novità assoluta, inserita nella rassegna “Opplà” dell’Unione Pedemontana Parmense, “In alto i calici”, per brindare a terra e salire poi gratuitamente in alta quota per vedere il Festival da una mongolfiera.

Primo atto del Festival sabato mattina alle ore 10, con il taglio del nastro, seguito dal convegno a cura del GAL del Ducato “Il mito della Malvasia: le potenzialità di sviluppo di un network in crescita”.  Per tutto il weekend, nel Giardino Farnesiano all’ombra della Rocca Sanvitale, stand enogastronomici, spettacoli musicali, cabaret, clown e area bimbi. Nella serata di sabato l’immancabile Magnarocca, la cena itinerante “a tappe” per le vie del paese con i migliori prodotti della Food Valley.

La domenica pomeriggio in Rocca verrà assegnata la Coséta d’Or, l’ambita ciotola che fin dalla prima edizione della rassegna premia la miglior Malvasia, selezionata da una giuria di esperti attenta e qualificata Ma anche il pubblico potrà giudicare quella che riterrà la Malvasia migliore con la Coséta di Legno.  Per tutto il weekend, dalle 10 alle 18, sarà inoltre possibile visitare la Rocca Sanvitale, il Museo del Vino e, su prenotazione telefonando allo 0521 331342, la Pieve di San Biagio a Talignano.

«In questi anni il Festival ha saputo varcare i confini del nostro territorio, diventando ambasciatore, in Italia e all’estero, della nostra cultura e della nostra storia – sottolinea il sindaco di Sala Baganza Aldo Spina –. È cresciuto parallelamente alla qualità della Malvasia, che ha raggiunto un livello di eccellenza attraverso una continua selezione e capacità di innovazione da parte dei produttori. Il successo del Festival è il risultato dell’impegno della Pro loco, di un’intera comunità e delle sue associazioni, che ogni anno si mobilitano per concorrere attivamente alla realizzazione di questa meravigliosa due giorni. Un perfetto lavoro di squadra, per il quale ringrazio tutto coloro che, a vario titolo, anno dopo anno rendono il Festival un appuntamento sempre più unico».

«Credo che l’ingrediente più importante di questa manifestazione, fin dalla sua prima edizione, sia il coinvolgimento di tutti i produttori di Malvasia – afferma Aldo Stocchi, l’instancabile presidente della Pro loco di Sala Baganza che ha ideato il Festival –. Ventisette anni fa non immaginavamo che potesse assumere una dimensione internazionale e che la Malvasia potesse creare attorno a sé tanto interesse e movimento. I Presidenti e i consigli della Proloco di Sala che mi hanno preceduto, così come le Amministrazioni comunali e i tantissimi volontari che si sono succeduti, hanno sempre creduto nel Festival, che quest’anno ripropone eventi consolidati con qualche cambiamento e piacevoli sorprese che, ne siamo sicuri, verranno apprezzate dal pubblico».

«Conoscere la Malvasia, la storia di un territorio ricco di cultura e tradizioni, scoprire la tipicità e le caratteristiche di un vino, proprio nei luoghi in cui viene prodotto. È questo lo spirito del Festival – osserva l’assessore al Turismo di Sala Baganza Giulia Alfieri –. Un appuntamento unico in Italia tra tradizione e innovazione, ricco di eventi collaterali a misura di famiglia, che rappresenta un volano importante per il turismo del nostro territorio».

«Il Festival della Malvasia di Sala Baganza celebra il trionfo della nostra identità vitivinicola, promuovendo il territorio, la sua storia e la sua cultura – spiega il Presidente del Consorzio Vini Colli di Parma Tommaso Moroni Zucchi. –. La Malvasia dei Colli di Parma è la regina dei vini parmensi e la sua produzione è fortemente radicata nel tessuto culturale del territorio. Il Festival è diventato negli anni il principale punto di riferimento per coloro che vogliono scoprire tutti gli aspetti che rendono la Malvasia un patrimonio inestimabile, sia per il suo valore culturale e storico, legato alle origini del vitigno, sia per la sua qualità molto elevata.

Questo evento rappresenta una preziosa occasione per i nostri produttori di far conoscere l’essenza della tradizione vitivinicola più autentica del territorio, che è sinonimo di eccellenza».

Il Festival della Malvasia è promosso e organizzato da Comune di Sala Baganza, Pro Loco e Consorzio per la Tutela dei Vini dei Colli di Parma, in collaborazione con le Associazioni di Volontariato e la Scuola “F. Maestri” di Sala Baganza, la Strada del Prosciutto e dei Vini dei Colli di Parma, AIS Parma-Emilia, Destinazione Turistica Emilia, i Parchi del Ducato, il Gal del Ducato, Parma Quality Restaurants, i Musei del Cibo, l’Istituto Superiore Alberghiero “Magnaghi e Solari”, il Consorzio del Parmigiano-Reggiano, il Consorzio del Prosciutto di Parma, il Consorzio del Fungo Porcino di Borgotaro, il Consorzio dell’Aceto Balsamico di Modena.

L’evento è inoltre patrocinato da: Regione Emilia-Romagna, Provincia di Parma, Unione Pedemontana Parmense.

Per maggiori informazioni sul programma http://www.festivaldellamalvasia.it/programma/

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale e rimani aggiornato sulle novità del panorama vitivinicolo italiano. Prova, ti puoi cancellare quando vuoi!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here