Arriva a Roma la nuova edizione di “Io Vino, Selezione da Vitigno Autoctono”

0
38
vino da vitigno autoctono
vino da vitigno autoctono

Torna dopo due anni di stop la nuova edizione di IO VINO, Selezione da Vitigno Autoctono, più testarda che mai e con quella passione di sempre per il vino e per la gente che ama il vino. L’appuntamento è per domenica 13 marzo dalle 11 alle 20 a Roma, presso Ergife Palace Hotel.

Dopo quattro edizioni svolte in spettacolari location nella provincia di Roma, per questo quinto e tanto atteso appuntamento IO VINO arriva nel cuore della Capitale per presentare e far conoscere una selezione di vitigni autoctoni tra Marche e Campania.

Il format di Io Vino tra Marche e Campania

Se la location cambia, si conferma saldo il format di degustazioni e seminari organizzati dall’Associazione IO VINO, che pone l’attenzione come sempre su una serie di produzioni vitivinicole di solo due regioni: Marche e Campania. Due regioni che hanno sicuramente sempre tanto da raccontare e da far scoprire, a partire dai produttori, dai vignaioli appassionati, che quest’anno hanno riconfermano la presenza all’evento, dopo la pausa forzata di due anni.

Come affermano gli organizzatori Romina LombardiManilo Frattari: “ogni anno la nostra idea di dar vita a un evento che sappia raccontare il vino, da un punto di vista diverso e alternativo. Io vino rappresenta un’indagine e una scoperta che ogni anno si fa sempre più ricca e profonda all’interno di questi due territori, con posizione speculare e profondamente differenti per clima, tradizione e ricerca”.

Comune denominatore tra le aziende presenti è quello di raccontare e rappresentare al meglio il territorio da cui provengono, unico nella sua storia, nel profumo e nel gusto racchiuso in una bottiglia. Riflettori accesi ai banchi d’assaggi  dalle 11 alle 20 di domenica 13 marzo su Fiano, Piedirosso, Verdicchio, Lacrima di Morro d’Alba e poi Passerina, Pecorino, Taurasi, Asprinio, Aglianico, Coda di Volpe e tanti altri vitigni autoctoni lavorati in purezza o in blend, che avremo occasione di conoscere sotto ogni sfumatura, grazie al racconto degli stessi produttori. Presenti circa 90 cantine con la partecipazione straordinaria di “Vino in Garage” che mette insieme 12 diversi produttori.

Le cantine ospiti di Io Vino

Sulla scia dell’ultima edizione anche per il 2022 saranno presenti delle aziende ospiti, selezionate dall’organizzazione e volute per ampliare il panorama degustativo e creare un confronto aperto. Quest’anno presenti 6 cantine extra territorio: la Calabria con Tenuta del Conte, la Liguria con Maccario Dringenberg, per la Puglia Marco Ludovico, per il Piemonte Cascina Garitina e la cantina F.lli Aimasso e infine la Toscana con l’Azienda agricola sant’Agnese.

Tra gli ospiti di questa edizione figurano anche i due “food” partner con le loro eccellenze: La Formaggeria di Francesco Loreti e Onorato Salumi che hanno già selezionato formaggi e salumi da abbinare ai vitigni proposti in questa giornata di Io Vino.

Le MasterClass sui vitigni di autoctoni

E come ogni edizione non potevano mancare le Masterclass. Riflettori puntati su due vitigni in particolare, il Piedirosso per la Campania e la Lacrima di Morro d’Alba per le Marche con due seminari dedicati. Si parte alle 15 con la masterclass “Lacrima di Morro d’Alba, Presente e Passato” a cura di Francesco Quercetti, giornalista e curatore regionale per la guida Slow Wine Marche; si prosegue alle ore 17 con “Piedirosso: l’indigeno campano si riscopre moderno” a cura di Alessio Pietrobattista giornalista di guide del settore e curatore per la guida Slow Wine Lazio.

Le masterclass prevedono un massimo di 40 posti e sono con iscrizione obbligatoria. Il costo è di 15 euro ed è possibile iscriversi online a questo link: https://iovino.wine/prenotazione/

Io Vino – Selezione da Vitigno Autoctono

Domenica 13 marzo – Ora: 11-20 – Ergife Palace Hotel – Largo Lorenzo Mossa, 8  Roma.

Costo del biglietto 20 euro

Operatori del settore e stampa potranno accreditarsi gratuitamente ai seguenti link:

https://iovino.wine/accrediti-operatori/

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here