Vino e Jazz, al festival “Una striscia di terra feconda” debutta il Premio Cincinnato

0
45
Joachim Florent
Joachim Florent

Debutta nel 2020 il “Premio Cincinnato”, uno speciale riconoscimento che lega musica e vino nella 23esima edizione de “Una striscia di terra feconda”, il festival franco-italiano di jazz e musiche improvvisate che si terrà dal 5 settembre alla Casa del Jazz di Roma. La cantina di Cori, piccolo centro della provincia di Latina a soli 60 km a sud di Roma, sarà quindi protagonista di una delle novità assolute della manifestazione ideata da Paolo Damiani e Armand Meignan, che ne sono anche i direttori artistici.

Il premio quest’anno andrà al belga Joachim Florent, giovane contrabbassista che salirà sul palco domenica 6 settembre con Residenza d’Artista 2020 “Continuum & Singularity”, una produzione originale in collaborazione con l’Institut Français Italia, Ambasciata di Francia, Midj e Siae, realizzata insieme a Anais Drago, violino, Livio Bartolo, chitarra, Francesco Fiorenzani, chitarra, e Francesca Remigi, batteria. Questa la motivazione legata all’assegnazione del premio: “Per le sue inebrianti partiture: come la musica, il vino è cultura, ricerca, emozione, piacere. Il vino è musica”

“Crediamo molto nella capacità del vino di comunicare, andando oltre il suo valore culturale e sensoriale – commenta Giovanna Trisorio, responsabile marketing di Cincinnato e coordinatrice del progetto -, per questo siamo davvero orgogliosi di salire idealmente sul palco di un festival così importante e portare un pezzo della nostra terra, delle nostre vigne e della nostra passione in giro per il mondo attraverso il linguaggio comune della musica”.

Un appuntamento importante per la Cincinnato e per l’intero territorio vitivinicolo laziale, idealmente rappresentato dai vini dell’azienda pontina che saranno protagonisti delle cene del festival. La manifestazione – presentata nelle scorse settimane con appuntamenti “OltreRoma” a Palestrina, Caprarola e Subiaco – si aprirà ufficialmente sabato 5 settembre con il tango, nella Casa del Jazz a Roma, grazie alla “Soirèe Tango” con protagonisti Eric Seva con “Mother of Pearl” e a seguire gli Aires Tango di Javier Girotto. Il resto del programma è ovviamente rintracciabile sul sito ufficiale del festival www.associazioneteatrodellascolto.it.

“Il vino e la musica sono dei simboli di condivisione – ha spiegato Joachim Florent in una recente intervista (la versione integrale sul sito www.cincinnato.it). Il vino prende tutto il suo senso nel momento del convivio, allo stesso modo anche la musica è l’occasione per le persone di ritrovarsi e condividere un momento unico, non dimentichiamoci che veniamo da diversi mesi passati rinchiusi in casa senza vedere nessuno”.

“Un invito a uscire, a godere delle gioie della vita come la musica e il vino – ha commentato il presidente della Cincinnato Nazzareno Milita –, le distanze e gli accorgimenti imposti dalla situazione non devono insomma impedirci di stare insieme, di condividere emozioni pur se distanziati fisicamente”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here