Vini Doc Pantelleria, più tutela e promozione per affrontare la sfida del mercato

0
33
Benedetto Renda
Benedetto-Renda, Presidente Consorzio Vini DOC Pantelleria

Con i suoi associati – 325 viticoltori e 8 cantine – il Consorzio Vini Doc di Pantelleria rappresenta l’85% della produzione Doc dell’isola (vendemmia 2018).

Il Consorzio è sempre più impegnato in favore della tutela e della promozione della denominazione che identifica i vini dell’isola e, su tutti, il pregiato Passito di Pantelleria.

Per affrontare le sfide di un mercato globale, in cui quella dei vini dolci costituisce pur sempre una nicchia, occorre guardare al futuro e alla costruzione di nuove opportunità per far conoscere la Doc Pantelleria, la viticoltura eroica e l’alberello pantesco patrimonio dell’Umanità.

Il Cda del Consorzio ha individuato delle innovazioni che possono certamente essere di aiuto, proponendo alcune modifiche al disciplinare della Doc che saranno presentate all’Assemblea dei soci che si terrà prossimamente, secondo i principi di democraticità e rappresentatività previsti per legge.

Per inciso, proprio domenica scorsa, il CdA del nostro Consorzio ha incontrato Sindaco e Vice-Sindaco di Pantelleria e ha loro ampiamente illustrato tali proposte, che per la loro natura tecnico-giuridica avevano suscitato equivoci e allarmi ingiustificati; un incontro chiarificatore che giudichiamo molto proficuo.

Le proposte di modifica del disciplinare: tra queste, si propone la possibilità (non l’obbligatorietà) di usare – in aggiunta alla denominazione “Pantelleria”, anche l’uso <della unità geografica più ampia “Sicilia”… ai sensi… del disciplinare della Doc Sicilia>.

Questa proposta di innovazione, ha fondamentalmente due scopi:

1) incrementare il livello di tutela della denominazione “Pantelleria” avvalendosi dei servizi di vigilanza effettuati dal Consorzio Doc Sicilia che ha avuto il riconoscimento “erga omnes” e che quindi è investito di ampi poteri di controllo; grazie alla sinergia con il Consorzio Doc Sicilia, la vigilanza comporterà minori costi per la Doc Pantelleria.

2) dare l’opportunità ai vini “Pantelleria Doc” di usufruire dei vantaggi del massiccio piano di attività promozionali organizzate dal Consorzio Doc Sicilia, in Italia e all’estero, con campagne pubblicitarie, campagne social, incoming di giornalisti, eventi e fiere. Un esempio? La Doc Sicilia organizza degustazioni in alcune delle maggiori fiere del vino nel mondo (USA, Cina…). Se un “Passito di Pantelleria” avrà la menzione “Sicilia” il suo produttore potrà mandare il proprio vino e averlo tra quelli in degustazione, senza dover prendere uno stand, e senza dover fare la trasferta all’estero.

L’idea è anche che il brand “Sicilia” nel mondo, sia ben più conosciuto di quello di “Pantelleria” e che pertanto possa aiutare molti consumatori a meglio comprendere l’origine dei vini di Pantelleria e a valutarne la scelta di acquisto.

A tal proposito, è fondamentale aggiungere che tale previsione, non modifica il nome della “Doc Pantelleria”, semplicemente consente l’aggiunta della menzione “Sicilia” a seguire quello di “Pantelleria”; si tratta quindi di una facoltà edi un’opportunità, non di un obbligo.Vuol dire che un produttore può liberamente decidere se mettere in etichetta anche la denominazione “Sicilia” oppure no.

E’ opportuno anche ricordare che, tra le Doc territoriali presenti nella nostra regione, diverse hanno già modificato il proprio disciplinare prevedendo questa possibilità (Vittoria, Menfi, Contea Sclafani, Contessa Entellina, Noto, Eloro) e lo ha fatto anche la DOCG Cerasuolo di Vittoria.

Un’altra importante modifica che l’Assemblea sarà chiamata a votare, è l’utilizzo della menzione “Zibibbo” nella tipologia “Pantelleria Bianco Doc” (il bianco secco, per intenderci), cosa che ad oggi non è prevista.

Infine, siamo convinti che il miglior modo per dare un futuro alla viticoltura eroica di Pantelleria, sia non solo quello di adeguare il quadro giuridico della sua denominazione, ma di svolgere attività a 360 gradi, per far conoscere di più i nostri vini, il loro pregio e la loro straordinaria unicità.

Molte le iniziative recenti che hanno contraddistinto questo impegno: i corsi di avvicinamento al vino riservati agli operatori enogastronomici dell’isola, il Pantelleria Doc Festival, l’accoglienza di decine di giornalisti alla scoperta della viticoltura eroica e dell’alberello pantesco patrimonio Unesco, le presentazioni e degustazioni al Vinitaly di Verona, per citare solo le più importanti.

Tutte iniziative in cui il Consorzio Vini Pantelleria Doc si è anche impegnata per il coinvolgimento dei principali attori dell’isola, sia istituzionali che privati. Pantelleria e la sua viticoltura, avranno un futuro migliore quanto più il vino sarà capace di fare sinergia con il territorio ed il turismo.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here