#solocosebuone: le enoteche online crescono all’insegna della qualità

0

L’autunno è ufficialmente arrivato con i suoi rovesci e con essi anche la chiusura della vendemmia 2017, che secondo gli ultimi dati rilasciati dalla Coldiretti sarebbe stata la più prematura degli ultimi dieci anni.

A causa di condizioni climatiche eccezionali e di una violenta siccità riscontrata dai vinicoltori in tutta la Penisola, la vendemmia di quest’anno sarebbe stata anche la più scarsa dal dopoguerra in Italia, con un taglio della produzione stimato entro il 26% rispetto a quanto fatto nello stesso periodo dell’anno scorso.

Se la produzione stenta, è anche vero che l’Italia resta sulla carta il primo produttore di vino al mondo, con oltre 40 milioni di ettolitri di produzione, destinata per un 40% a vini DOC e DOCG, per un 30% a vini a indicazione geografica tipica ed un rimanente 30% a vini da tavola. Questi dati testimoniano una tendenza interessante che pare riflettersi anche sul consumo locale che viene fatto del vino italiano: come sostiene anche la stessa Coldiretti, infatti, dopo anni in calo il vino starebbe finalmente ritornando sulle tavole degli italiani, con un aumento medio stimato attorno al 3%. Dei vini venduti, il consumo più ampio sarebbe stato registrato dai vini Doc, che avrebbero visto le proprie vendite aumentare del 5%, con a seguire proprio i vini Igt (+4%) ed infine gli spumanti nazionali, che con un incremento del 6% hanno incrinato, soprattutto all’estero, il primato inossidabile dallo champagne.

Migliora dunque la qualità del vino bevuto dagli italiani, come dimostra anche il dato che vede decrescere solo la vendita di vini comuni, con una contrazione del 4%. D’altronde, l’Italia non è mai stato un Paese avvezzo a brutture eno-gastronomiche, ed anzi l’amore per il vino ci ha sempre portati ad essere estremamente meticolosi nella scelta della bottiglia da acquistare, motivo per cui molti preferiscono ancora oggi rivolgersi direttamente ad enoteche specializzate o di fiducia per i propri acquisti. Ma le cose stanno cambiando.

Il mercato del vino online sta infatti finalmente assumendo una propria personalità anche nel Bel Paese dopo anni di dubbi e sospetti, tanto che le enoteche online starebbero sempre di più acquisendo significative fette di mercato in relazione al consumo di vini. Tra le motivazioni alla base di questa nuova fiducia da parte dei consumatori verso i portali di vendita online di vino rientrerebbero la sempre ricca e variegata offerta di etichette disponibili all’acquisto e la comodità di avere in poco tempo la bottiglia selezionata direttamente a casa propria.

D’altronde, sempre citando i dati Coldiretti risalenti al 2016, il fatturato delle imprese operanti nel settore della vendita online di vino rappresenterebbe il 2% sul totale, con un giro d’affari in crescita fino a 35 milioni di euro nel 2016 contro i 10 milioni registrati solo nel 2012. La Coldiretti stima che questa fascia di mercato possa raggiungere entro il 2012 un fatturato di oltre 200 milioni di euro.

Questo successo è dovuto principalmente ad alcune aziende che negli anni hanno saputo dimostrarsi particolarmente solide e meritevoli di fiducia da parte dei consumatori, una prerogativa molto apprezzata dal pubblico italiano che è ancora poco abituato ad acquistare online, soprattutto prodotti eno-gastronomici.

Una delle aziende ad aver contribuito a portare una nuova ventata di ottimismo ed innovazione nel settore è Enoteche Piave, una catena di enoteche che da 20 anni propone una vasta scelta di vini, birre e distillati della migliore tradizione enogastronomica italiana ed estera nei suoi punti vendita localizzati nelle province di Padova, Venezia e Treviso e, soprattutto, nel suo portale online completamente responsive alle esigenze anche del più sofisticato consumatore di vino.

Con un catalogo di oltre 2.000 etichette disponibili, che comprende anche un vasto assortimento di vini Biologici, Biodinamici e Biovegan, dall’anno della sua nascita, nel 1997, Enoteche Piave ha continuato a crescere perfezionando il servizio offerto soprattutto grazie alla fiducia dimostrata dalla sua clientela e dalla passione del suo fondatore verso una distribuzione di vini provenienti da micro realtà con prodotti di eccellenza e dai marchi più prestigiosi disponibili in commercio.

Prima che un’azienda, Enoteche Piave è infatti un gruppo di persone appassionate del mondo dell’enogastronomia di qualità che basa il proprio operato sui valori chiave di ricerca, passione ed impegno volti ad individuare nuovi prodotti e ad offrire le novità più interessanti nei suoi punti vendita di Spinea (Venezia), Albignasego (Padova), Capriccio di Vigonza (Padova) e Mogliano Veneto (Treviso). Non a caso, in virtù del ventennale dalla sua fondazione, Enoteche Piave ha completamente rinnovato l’aspetto grafico dei suoi portali di comunicazione in rete adottando l’hashtag #solocosebuone, un mantra all’insegna della qualità che riguarda non solo la vendita di vino, ma anche quella di birre, provenienti sia dai migliori birrifici italiani che dalle più importanti brasserie belghe, grappe, rum, whisky, gin, cognac, armagnac ed un’ampia selezione di liquori.

Anche online l’azienda ha saputo cogliere le numerose opportunità date da un’utenza in rete sempre più sensibile ai numerosi vantaggi dati dall’acquisto di vino mediante e-commerce, mettendo a disposizione della sua clientela un portale ideale per capire che vino scegliere per una serata, che regalo fare o quale sia il vino più adatto a completare una selezione personale di etichette. La vetrina online di Enoteche Piave ti permette infatti di filtrare il vino che stai cercando per tipologia (bollicine, fermo o passito), abbinamento e utilizzo (apertivi, carni bianche o rosse, crostacei, dolci, formaggi, pesce, primi o salumi), per regione di produzione e per prezzo.

Fisicamente, nei punti vendita dell’azienda, sono inoltre presenti sommelier professionisti sempre pronti ad offrire un servizio di consulenza personalizzato, anche da un punto di vista prettamente didattico: Enoteche Piave organizza infatti periodicamente anche serate a tema pensate per coloro che desiderano approfondire la propria conoscenza del mondo dell’enogastronomia di qualità attraverso incontri con i produttori e corsi di degustazione.

Se apparentemente il mondo delle enoteche online potrebbe apparire solo a misura di un tipo di consumatore professionista, che sa cosa vuole bere e a che prezzi, il futuro sta andando in un’altra direzione sia per la capacità di informare i clienti con molteplici chiavi di ricerca e assistenza online, che per l’ovvia sensibilità ai prezzi. Le imprese specializzate nella vendita di vino online come Enoteche Piave permettono infatti di effettuare acquisti con una buona dose di risparmio rispetto al prezzo di una bottiglia acquistata fisicamente in negozio, anche per etichette pregiate, vecchie annate, vini rari ed esteri, offrendoti allo stesso tempo un’esperienza di navigazione molto vicina a quella di un’enoteca fisica in termini di stili e provenienza.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.
close-link