Lusirà Syrah Sicilia IGP 2009 Baglio del Cristo

0
4
Lusirà Syrah Sicilia IGP 2009 Baglio del Cristo

Mi è capitato recentemente tra le mani una bottiglia di Lusirà vendemmia 2009 della cantina Baglio del Cristo di Campobello. La cantina della famiglia Bonetta è una delle migliori aziende emergenti del panorama vitivinicolo siciliano, e la lunga serie di riconoscimenti nazionali ed internazionali ottenuti negli ultimi anni ne sono una dimostrazione lampante. Il marchio è giovane, e la cantina pertanto è di impostazione decisamente moderna, dotata di tutta l’attrezzatura adatta alla vinificazione di rossi e bianchi a temperatura controllata, e barriques per l’affinamento dei rossi come appunto il Syrah che sto per presentarvi. Stilisticamente tutti i vini prodotti da questa bella realtà isolana hanno una impronta moderna, sia dal punto di vista meramente produttivo, sia dal punto di vista del packaging, tutto veramente curato nei minimi particolare. Nonostante ciò, nei loro prodotti si riesce a cogliere tutta la sicilianità possibile ed immaginabile, e ve lo dice uno che è un siciliano DOC, anche se ormai da tanti anni vivo all’estero, in Olanda per la completezza dell’informazione.

Il Lusirà, che nel dialetto siciliano significa “il Syrah”, è come facile intuire un Syrah vinificato in purezza. Le uve accuratamente selezionate, provengono da un piccolo vigneto di 4 ettari, con una densità per ettaro di circa 5.000 ceppi, situato in Contrada Favarotta nel Comune di Campobello di Licata in provinca di Agrigento. Il vino si affina per circa 15 mesi in barriques di rovere francese, di cui solo 1/3 nuove. Il risultato, decisamente non banale credetemi, è un vino con un bel colore rosso rubino scuro brillante, e comunque non troppo cupo. Al naso si presenta con forti sentori di frutta rossa matura, tipo amarena, ribes, e mora, misti a delicate note speziate, di cioccolato, e tabacco, e ovviamente le immancabili sensazioni vanigliate. In bocca è elegante, rotondo, con acidità e tannini sotto controllo, e un finale persistente con una punta di amarognolo piacevolissima. Il conclusione, è un vino visibilmente ben fatto ed elegante, molto piacevole da bere, che punta tutto sulla bevibilità. Il costo in enoteca si aggira intorno ai 22,00 euro, rapporto qualità prezzo corretto.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here