Vinitaly brinda al mondo Prosecco

0
19
Il Prosecco al Vinitaly 2013

Per inaugurare l’edizione più internazionale, Vinitaly non poteva che scegliere lo spumante tricolore più amato nel mondo: il Prosecco, divenuto sinonimo di stile italiano del bere nei cinque continenti. Questo vino, prodotto esclusivamente nel nord est d’Italia è oggi un successo internazionale. Durante la serata inaugurale della 47^ edizione della fiera, che si svolgerà sabato 6 aprile presso Palazzo Verità Poeta, gli ospiti italiani e stranieri potranno conoscere la ricchezza del Mondo Prosecco, grazie alle due espressioni protagoniste: quella storica, il Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore, e la doc Prosecco, dotata di potenzialità capaci di conquistare il mercato globale.

Due realtà complementari: la prima, Conegliano Valdobbiadene, situata in territorio interamente collinare, ha dato origine alla storia di questo vino e ancora presenta la più alta concentrazione di vigneti, con territori che esprimono una grande diversità, la seconda, istituita nel 2009 è dotata della ricchezza di due regioni, Veneto e Friuli Venezia Giulia, capace di conquistare il mercato internazionale con un’immagine unitaria data anche dalla presenza, sul suo territorio, della località di Prosecco dalla quale la DO ha origine.

Due espressioni di una stessa realtà, capaci di offrire ad ogni consumatore il vino adatto. Durante la serata di gala del 6 aprile, Vinitaly presenterà la complessità di questo mondo, attraverso un vero e proprio percorso tra storie e territori grazie al banco d’assaggio offerto dai due consorzi. E se è la prima volta che Conegliano Valdobbiadene Prosecco Superiore docg e Prosecco doc si presentano assieme, da tempo sono uniti per proteggere nel mondo il nome Prosecco e combattere le molte imitazioni attraverso azioni legali congiunte in Italia e all’estero.

“La prima arma per sconfiggere le imitazioni è la corretta conoscenza del prodotto – afferma il presidente del Consorzio Tutela Conegliano Valdobbiadene Prosecco Innocente Nardi – Per questo abbiamo accettato con entusiasmo di presentare l’area storica di Conegliano Valdobbiadene assieme ai colleghi del Prosecco doc. Ognuno con le proprie peculiarità, ci completiamo a vicenda per trasmettere nel mondo l’immagine di un vino divenuto un caso di successo del prodotto italiano”.

“La chiave di successo – sostiene il presidente del Consorzio di tutela della Doc Prosecco Stefano Zanette – sta nella capacità di presentarsi con un messaggio unitario che valorizzi il Prosecco come espressione di un territorio. Territorio ampio, quindi con diverse caratteristiche storiche, geologiche, ambientali che si ritrovano nei vini arricchendone l’offerta.

La necessità di una comunicazione omogenea è sempre più sentita dai produttori, specialmente dalle numerose aziende che producono sia per la doc Prosecco che per la docg. Ma la chiedono anche gli operatori economici del mercato internazionale. In tal senso – conclude Zanette – ben venga questa prima significativa occasione di collaborazione “esterna” che vede i due Consorzi compatti nell’importante manifestazione del Vinitaly”.

Durante le giornate successive, i due Consorzi saranno presenti in Fiera con un proprio stand, dove si svolgeranno seminari, degustazioni guidate ed incontri.

 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale e rimani aggiornato sulle novità del panorama vitivinicolo italiano. Prova, ti puoi cancellare quando vuoi!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here