Il firmamento Cupertinum verso il 2013!

0
41
Featured image

Un anno laborioso pieno di iniziative, eventi, fiere, creatività, riconoscimenti. Dal giornale “Cupertinum Doc. Il cuore del Negroamaro” (con interviste a Giuliano Sangiorgi, Antonio Prete, Raffaele Nigro…) al Vinitaly, da CupertinumWineMusic&Bar al Mercatino del Gusto, dalla ProWein a Calici di Stelle, dall’Apulia Wine Identity agli articoli e servizi su Il Mondo, Gambero Rosso, Il Quotidiano, La Gazzetta del Mezzogiorno, Il Sole 24 Ore, QuiSalento, Corriere vinicolo, Salentointasca, RaiPuglia, Bereilvino, Italiaatavola, NewsFood…, fino al grande entusiasmo per il “Corso di degustazione e cultura del vino”, che ha raggiunto in pochi giorni centinaia di iscrizioni, e alle ottime valutazioni ottenute sulle Guide ai Vini. È proprio il caso di dirlo: nel 2012 la Cupertinum, cantina di Copertino è salita alle Stelle!

Sulla Guida Espresso si merita una Stella come azienda “particolarmente distinta con le ultime annate e in netta crescita”. E inoltre vengono premiati cinque vini con “4 Bottiglie” (cioè, per usare le parole della Guida: “vini di alto livello”). 17.5/20 al Copertino Riserva 2005, 17/20 al Settantacinque Riserva 2005 e al Negroamaro 2009, 16.5/20 al Copertino e al Primitivo, questi i punteggi esatti. Secondo la prestigiosa Guida la Cupertinum è la migliore azienda del territorio.

La Guida segnala inoltre: il Copertino Riserva e il Negroamaro tra i 10 migliori vini qualità-prezzo; nei primi 5 vini della Denominazione d’Origine controllata Copertino i primi due e il quarto sono targati Cupertinum (Riserva, Settantacinque, Copertino); e anche nei vini a Indicazione geografica tipica il Negroamaro e il Primitivo 2009 sono tra i migliori. Nella scheda che accompagna le valutazioni dei vini la storica azienda copertinese viene descritta come “tra le più encomiabili nella sua opera di adesione alla tradizione e alla tipicità” e viene sottolineato l’ottimo lavoro fatto negli ultimi tre anni dell’enologo Giuseppe Pizzolante Leuzzi.

Ricordiamo inoltre le ottime e dense schede dedicate ai vini Cupertinum dalla Guida SlowWine di SlowFood che segnala il “vantaggioso rapporto tra qualità e prezzo” dei Vini Cupertinum: “rappresentano la tipicità del territorio e dei suoi vitigni, senza cedimenti verso mode e gusti facili” e dalla Guida Bibenda dell’Associazione Italiana Sommelier, che premia innanzitutto il Copertino Rosso Riserva, il Settantacinque, il Copertino, il Primitivo e il Cigliano bianco con Tre Grappoli. Invece la Guida I Vini di Veronelli sceglie come miglior vino della Cupertinum il Copertino Rosso, segnalando anche con ben 2 Stelle gli altri vini. Sulla La Guida di Luca Maroni valuta tutti i vini Cupertinum “veramente ottimi”. L’Almanacco Berebene del Gambero Rosso segnala lo Spinello dei Falconi e il Cigliano Bianco Igt Salento tra i buoni acquisti qualità-prezzo. Per finire ancora con le Stelle! Infatti la Guida Vinibuoni d’Italia del Touring Club il Settantacinque Riserva “conquista con onore” la Golden Star con questa motivazione: finissimo e intenso al naso con tabacco e frutto nero che si alterna a liquirizia e bel boisé; al palato esordisce morbido, vellutato con tannini uniformi e di rango, chiudendo piacevole e fresco.

Commenta così il presidente Mario Petito: “Questi riconoscimenti molto positivi ci danno forza e determinazione in un momento non facile – come tutti sanno – per l’economia in generale. Questa forza la innestiamo alle nostre radici, che abbiamo solide e profonde, per affrontare il futuro con ottimismo”. “Abbiamo fatto altri passi nella giusta direzione – aggiunge Pizzolante Leuzzi – con metodo, verifiche e miglioramenti, determinazione e serenità dobbiamo continuare su questa strada”. Auguri di buone feste a tutti!

CUPERTINUM, Cantina Sociale Cooperativa di Copertino: www.cupertinum.it

 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale e rimani aggiornato sulle novità del panorama vitivinicolo italiano. Prova, ti puoi cancellare quando vuoi!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here