Zhabib, il passito di Ustica di Margherita Longo

0
468
Vigneti Zibibbo Margherita Longo

Non si può parlare che di una storia fantastica quella che stiamo per raccontarvi ma di una storia quanto più vicina alla realtà se narrata con un pizzico di fantasia. Si! Perché l’isola di Ustica è già fantastica e di una bellezza quasi disarmante e non si può iniziare la storia se non partendo dalle origini, quindi dalla terra che ha generato Zhabib o meglio le uve zibibbo dell’isola di Ustica con le quali si produce l’unico ed irripetibile passito dell’Isola. Possiamo scrivere che già gli Dei bevvero con i loro calici il dorato nettare, prodotto nelle rare vigne di Contrada Tramontana.

Ne bevvero anche i personaggi della mitologia che bevendo a più riprese quel dorato e zuccherino nettare che riempiva le coppe, conquistavano come la leggenda vuole l’immortalità. Oggi possiamo dire, con fredda o lucida mente che Zhabib e le altre due etichette di Margherita Longo che nascono nelle faticate vigne dell’isola di Ustica segnano a caratteri incancellabili sulle pagine di cronaca e di storia l’avventura enologica di una vera donna del vino figlia di questa Isola. Tutti e tre i suoi vini sono meritevoli d’attenzione, sarebbe inutile cantar le lodi dell’uno o dell’altro, pur nella loro diversità, perché in tutti c’è un po’ dell’anima e del nobile cuore dell’isola di Ustica e della nuova ambasciatrice dell’Isola.

Per maggiori informazioni www.verissima.it

Zhabib vino passito di Margherita Longo

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale e rimani aggiornato sulle novità del panorama vitivinicolo italiano. Prova, ti puoi cancellare quando vuoi!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here