Trofeo della Schiava: ecco le 9 regine della Schiava

0
17
Featured image

Si scrive Schiava, si pronuncia joie de vivre perché non si tratta di solo vino – peraltro di estrema piacevolezza – ma di un nome che porta con sé immagini che parlano di estate, di prati e profili di montagne, di un modo autentico di intendere la vita. A questo vino emblema dell’Alto Adige ogni anno viene dedicato un concorso, il Trofeo della Schiava, che vede sfidarsi nelle sale del Vigilius Mountain Resort – siamo nel meranese, nei pressi di Lana – circa 100 etichette provenienti dalle varie zone di produzione. Per valutare, bicchiere dopo bicchiere, chi meriti l’alloro della vittoria si ritrovano enologi, sommelier e giornalisti provenienti da Italia, Germania, Austria e Svizzera.

È un torneo senza esclusione di colpi che ha visto trionfare quest’anno nove “regine” a rappresentare le diverse zone di produzione:

– per la categoria Lago di Caldaro si sono imposti la Cantina Cortaccia con il suo Lago di Caldaro Classico 2011 ed i Produttori Caldaro con Lago di Caldaro Classico Greifenberg 2011;

– nella categoria Schiava e Schiava Grigia la palma della vittoria è andata a Cantina San Paolo con la Schiava Missianer 2011 e a Nalles Margreid con la Schiava Gentile Pfeffersburger 2011;

– la categoria Meranese e Val Venosta: ha visto l’affermazione di Franz Pfeil della Tenuta Kränzel con l’Alto Adige Meranese 2011:

– tre classificati a pari merito per la categoria Santa Maddalena: Santa Maddalena Classico 2011 della Cantina Produttori Bolzano, Santa Maddalena 2011 di Franz Gojer di Glögglhof e Santa Maddalena Gröbnerhof 2011 di Erste & Neue;

– infine nella categoria Schiava Diversa ha conquistato il primo posto il Santa Maddalena classico 2010 di Christian Plattner della Tenuta Waldgries

La Schiava è il più diffuso e popolare vino dell’Alto Adige, con i suoi filari allevati a pergola interessa mille ettari di vigne, un quinto dell’intera superficie vitata altoatesina. Si tratta di un vino leggero e fruttato, i suoi profumi ricordano ciliegie e ribes nero, il suo gusto è armonioso ed il corpo delicato, con tannini morbidi. Da bersi rigorosamente fresco, con lo speck certamente ma anche con qualsiasi sapore della cucina mediterranea.

Didascalia foto:

I vincitori dell’edizione 2012 del Trofeo della Schiava: da sinistra in prima fila Franz Pfeil (Tenuta Kränzel), Harald Schraffl (Nalles Magreid), Christian Plattner (Waldgries), Florian Gojer (Glögglhof). In seconda fila: Stefan Filippi (Cantina Produttori Bolzano), Gerhard Sanin (Erste & Neue), Andreas Prast (Produttori Caldaro), Othmar Donà (Cantina Cortaccia), Wolfgang Tratter (Cantina San Paolo).

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here