Cantina Terlano presenta il vino rarità: lo Chardonnay 1999

0
58
Featured image

Il vino rarità è una squisita testimonianza della straordinaria longevità dei vini di Terlano: “Dapprima i vini fermentano per circa un anno in grandi botti di legno e poi proseguono la lunga maturazione su lieviti fini in fusti d’acciaio da 2.500 litri. Seguono poi l’imbottigliamento e l’invecchiamento in bottiglia per un altro anno fino a raggiungere la completa maturazione”, così l’enologo Rudi Kofler chiarisce il complicato metodo di produzione. Questo particolare metodo si deve allo storico cantiniere Sebastian Stocker che, ispirandosi all’esempio dei francesi, ha iniziato a far affinare i vini sui lieviti per tempi molto lunghi.

Attualmente sono 15 le annate di diverse varietà in affinamento nei piccoli recipienti d’acciaio, annate che risalgono fino al 1979. “Per il 2012 abbiamo deciso di mettere sul mercato, come rarità, il nostro Chardonnay 1999. Si tratta di un vino dal profumo di bouquet fruttato e complesso, con sentori di miele e leggere note di lievito e spezie. Nonostante la lunga maturazione, il vino si presenta giovane e fresco ed è morbido ed elegante al palato con una lunga persistenza”, sottolinea Kofler.

- Advertisement -servizi web per cantine

La scelta della varietà e dell’annata della rarità targata Cantina Terlano restano assolutamente segrete fino a poche settimane prima della presentazione ufficiale. Quest’anno la rarità farà un duplice debutto nel mese di marzo. La si potrà infatti degustare durante la fiera “Pro Wein” di Düsseldorf dal 4 al 6 marzo (padiglione 3, stand A30) e a fine mese (dal 25 a 28 marzo) al “Vinitaly” di Verona, la più importante fiera italiana del settore (padiglione 6, stand C3).

In totale sono solo 3.350 le bottiglie del vino rarità di Cantina Terlano in vendita presso rivenditori selezionati.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here