Cantina Beato Bartolomeo: G8 Agricoltura, la parola finale a Vespaiolo e Bacalà

0
20
Featured image

Il vertice mondiale dell’agricoltura a Cison di Valmarino (TV)  si è chiuso ieri (20 aprile) con un pranzo a base di Bacalà alla vicentina, accompagnato dall’immancabile Vespaiolo di Breganze.
A volerlo è stato lo stesso ministro Luca Zaia, fresco di nomina a Cavaliere del Bacalà da parte della Venerabile Confraternita del Bacalà di Sandrigo, che da estimatore della specialità vicentina ha voluto sorprendere i suoi ospiti con un piatto sicuramente fuori dal comune in occasioni di questo genere.

Delegati e giornalisti da tutto il mondo hanno così potuto conoscere il Bacalà preparato da Antonio Chemello del ristorante “Da Palmerino” di Sandrigo, che insieme al figlio Marco ha servito oltre 300 porzioni abbinate al tradizionale Vespaiolo della Cantina Beato Bartolomeo di Breganze, vino scelto dalla Confraternita del Bacalà per tutte le degustazioni ufficiali.


“È stata una grande soddisfazione – commenta Antonio Chemello –  abbiamo riscosso un successo unanime e numerosi ospiti sono venuti a farci i complimenti e chiederci un bis”. Una nuova occasione di ribalta per la gastronomia vicentina, che con il binomio Bacalà-Vespaiolo varca ormai abitualmente i confini nazionali. Lo stesso Chemello è stato infatti tra i protagonisti del viaggio in barca a vela da Venezia alla Norvegia, sulla rotta del navigatore  veneziano Pietro Querini, facendo promozione del piatto e del vino in giro per l’Europa.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale e rimani aggiornato sulle novità del panorama vitivinicolo italiano. Prova, ti puoi cancellare quando vuoi!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here