Aziende Agricole Friulane Banear: “…buonanotte imbottigliatori”, nasce la certificazione volontar

0

Finalmente anche chi imbottiglia IGT può dormire sonni tranquilli. Da oggi infatti esiste la possibilità di certificare e garantire l’origine geografica con assoluta certezza grazie ad un sistema di controllo incrociato che, confrontando i dati di vigneti e vinificazione, attesta la veridicità dell’origine. L’idea di creare una certificazione volontaria di vino IGT è di Banear, cooperativa friulana di Treppo Grande (www.banear.it), sposata pienamente da QCM, azienda certificatrice piemontese (www.qcmsrl.it).

“Il sistema di autocontrollo volontario – spiega Alessandro Gallici, Presidente di Banear  – viene affidato ad una ditta terza specializzata in certificazioni alimentari, in questo caso la QCM, che ha il compito di effettuare una verifica sull’azienda produttrice, dai documenti camerali ufficiali che comprovano la produzione ai documenti di vendita del vino prodotto e quelli di conferimento di uve da soci, dal controllo incrociato di documenti di vendita presenti in azienda e quelle arrivate al compratore. La certificazione è estremamente semplice da applicare per chi produce, essendo egli già in possesso di tutti i documenti necessari ad attestare l’origine”.

Difficile invece verificare la provenienza del prodotto per chi acquista: è infatti improbabile risalire all’origine ripercorrendo a ritroso le complicate vie che oggi un vino deve percorrere prima di essere versato in una bottiglia.

“Purtroppo – continua Gallici – come avviene per altri prodotti alimentari sta maturando il malcostume di comprare e rivendere il vino anche decine di volte prima che raggiunga la destinazione finale“. Ma tutti questi passaggi spesso diventano il pretesto per “mischiare le carte”. “L’ottimo lavoro svolto di recente dagli organi di controllo – chiarisce Gallici – ha smascherato vere e proprie associazioni a delinquere che agivano in questo senso infettando il mercato di prodotto falso con gravissime ripercussioni di immagine per le aziende, soprattutto all’estero”. Proprio per difendere le aziende serie da queste truffe, Banear e QMC hanno pensato alla certificazione volontaria: “Vogliamo porre un freno a questo deplorevole fenomeno con un progetto semplice pensato per chi produce onestamente. La certificazione volontaria, inoltre, non rappresenterà un costo per l’utente finale perché, se diffusa, obbligherà ad un rapporto diretto fra chi imbottiglia e chi produce, eliminando così inutili passaggi speculativi con forti economie di sistema”.

Addio notti insonni quindi: da oggi un imbottigliatore può comprare un vino in cisterna certo di ciò che acquista, spegnere la luce e dormire beatamente…

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.
close-link