La zonazione viticolo-enologica dell’area DOC Piave si presenta.

0

Si parlerà della zonazione viticolo-enologica dell’Area Doc Piace, martedì 15 maggio (ore 20.30) presso la Cantina Sociale di Oderzo. Ossia della più avanzata attività di miglioramento e valorizzazione delle aree vitate dell’area del Piave, avviata dal  Consorzio Tutela Vini del Piave Doc con il sostegno della Regione del Veneto e coordinata da Veneto Agricoltura. Sarà un incontro al quale sono stati invitati a partecipare non solo i soci del Consorzio Tutela Vini del Piave Doc ma anche tutti gli operatori del settore vitivinicolo dell’area Piave, organizzato dal Consorzio stesso e dall’Istituto Sperimentale per la Viticoltura di Conegliano – che curerà attivamente il progetto – per illustrarne le varie fasi dell’operazione che coinvolgerà la zona nei prossimi quattro anni nonché gli esiti che tale studio intende raggiungere, ma anche per evidenziare attraverso alcuni esempi concreti che cosa la zonazione ha rappresentato in altre aree Doc.

Il tema sarà introdotto da Pierclaudio De Martin, Presidente del Consorzio Tutela Vini del Piave DOC e Corrado Callegari, Amministratore di Veneto Agricoltura. Di seguito Diego Tomasi, dell’Istituto Sperimentale per la Viticoltura di Conegliano, illustrerà il progetto e le sue finalità;  Fiorello Terzariol, per il CODITV di Treviso, parlerà del clima dell’area Piave e Adriano Garlato dell’ARPAV di Castelfranco, relazionerà sui suoli dell’area Piave. Infine, Giovanni Pascarella, dell’Istituto Sperimentale per la Viticoltura di Conegliano porterà alcuni esempi di zonazione e dei risultati ottenuti. L’incontro sarà moderato da Marina Grasso, direttore del periodico “I Vini della Piave”. Quello di martedì 15 maggio sarà quindi un importantissimo momento per tutti gli operatori del settore vitivinicolo dell’area Piave D.O.C., che saranno chiamati a prendere parte attivamente al progetto stesso ed avranno anche la possibilità di confrontarsi con gli attori principali del progetto stesso, per acquisire ulteriori informazioni e chiarimenti su questa importante ed innovativa iniziativa che riguarda molto da vicino non solo tutte le aziende, ma ogni vigneto che sorge nell’area Piave D.O.C.

Ma che cos’è la zonazione? E’ un progetto che si prefigge di analizzare le caratteristiche dei diversi terreni in funzione delle varietà di cloni e di vitigni, per individuare nelle zone ad alta vocazione enologica le interazioni tra vite e ambiente capaci di dare i migliori risultati di qualità e di mercato. Si tratta di un importante elemento nella strategia complessiva di qualificazione delle produzioni vitivinicole del Piave, i cui risultati faranno da supporto a specifiche azioni di marketing delle imprese che, attraverso una conoscenza più approfondita del territorio, degli ecosistemi e degli equilibri climatici ed organolettici dei diversi vitigni, saranno in grado di meglio valorizzare il prodotto.

Ed ecco, in sintesi, gli interventi che saranno effettuati nel quadriennio di indagine:
– Chiarire su solide basi scientifiche le potenzialità enologiche delle diverse aree, come stimolo ad una miglior qualificazione enologica.
– Arrivare a specializzare le diverse aree verso produzioni più congeniali ai caratteri ambientali.
– Evidenziare ed indagare delle realtà produttive difendibili, uniche e di grande prestigio per l’area del Piave: il Raboso Piave, il Verduzzo trevigiano e il Manzoni bianco.
– Dare una identità ai prodotti attraverso una viticoltura convincente in un territorio di prestigio.
– Divulgazione: creare una solidarietà locale per un progetto collettivo.

Va infine ricordato che l’Area Piave D.O.C. comprende nella Provincia di Treviso: l’intero territorio dei comuni di Arcade, Breda di Piave, Casale sul Sile, Cessalto, Chiarano, Cimadolmo, Codognè, Fontanelle, Godega Sant’Urbano, Gorgo al Monticano, Mareno di Piave, Maserada sul Piave, Monastier, Oderzo, Ormelle, Ponte di Piave, Ponzano Veneto, Portobuffolé, Povegliano, Roncade, Salgareda, San Biagio di Callalta, San Fior, San Polo di Piave, Santa Lucia di Piave, Spresiano, Vazzola, Zenson di Piave e in parte dei territori dei comuni di Carbonera, Casier, Gaiarine, Mansuè, Mogliano Veneto, Orsago, Preganziol, Silea, Villorba, Colle Umberto, Conegliano, Cordignano, Giavera del Montello, Montebelluna, Motta di Livenza, Nervesa della Battaglia, Paese, San Vendemiano, Susegana, Trevignano, Vittorio Veneto, Volpago del Montello. Ma si estende anche nella Provincia di Venezia sull’intero territorio dei comuni di Fossalta di Piave, Marcon, Meolo, Noventa di Piave, Quarto d’Altino, San Donà di Piave e in parte del territorio dei comuni di Venezia, Ceggia, Eraclea, Jesolo, Musile di Piave, Torre di Mosto.

Consorzio Tutela Vini del Piave D.O.C.
Via Toniolo, 12 – 31100 TREVISO
Tel. 0422.591277 – Fax 0422.412625

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.
close-link