Varramista 2002, un vino rosso di grande eleganza dalla Fattoria Varramista.

0

Fattoria Varramista, l’antica tenuta di Montopoli in Val d’Arno, presenta il proprio rosso di punta in un’annata – 2002 – che ha regalato all’azienda grandi soddisfazioni. Tratti distintivi di questo vino che combina una selezione di uve Syrah (90%) e Merlot (10%) sono l’eleganza e il carattere. Non a caso, il suo nome è lo stesso della tenuta in cui nasce. Il fatto che Fattoria Varramista abbia scelto di chiamare il primo vino messo in produzione proprio con il suo stesso nome, testimonia il grado di passione che ha dato vita a una sfida avvincente: produrre in territorio toscano grandi vini di terroir non necessariamente legati alla tradizione locale. Naturalmente, la passione senza una grande know how non porta a nessun risultato e il nome di questo rosso è rappresentativo anche del grande lavoro svolto dall’azienda per far sì che il suo primo vino prodotto avesse tutte le caratteristiche per diventarne un simbolo.

La Fattoria Varramista è una tenuta di charme, appartenuta alla famiglia Piaggio, e attualmente di proprietà del casato Visconti di Modrone. All’inizio degli anni ’90, l’idea di mettere a dimora dei vigneti di Syrah venne proprio al nipote di Enrico Piaggio, il Dott. Giovanni Alberto Agnelli che aveva avuto una felice intuizione a proposito della particolarità del terroir di Varramista. L’operazione mirava a riconvertire gli impianti già presenti con una varietà che potesse essere elevata ai massimi livelli qualitativi proprio dalle caratteristiche del terreno. E quella che poteva sembrare una scelta azzardata, in un momento in cui molti aziende si stavano concentrando su realtà legate alle zone di appartenenza, anno dopo anno, si è dimostrata una mossa vincente.

Nei primi anni ‘90, la produzione era stata pensata per un uso esclusivamente privato. L’enologo Federico Staderini, già consulente di altri importanti produttori toscani, venne chiamato per impiantare la produzione della Fattoria Varramista. Il rosso della tenuta, era il “vino di famiglia” e possedeva, proprio per questa ragione, standard di eccellenza che si inserivano nella tradizione di alto lignaggio della tenuta. Le prime bottiglie prodotte (all’inizio degli anni ‘90) erano in gran parte destinate al consumo familiare e di una ristretta cerchia di amici. Varramista ha, infatti, dietro di sé una nobile storia, un mondo di valori che sono rappresentativi di uno stile unico al mondo. Per questa ragione, il suo vino non poteva non essere un emblema.

Gli eccellenti risultati ottenuti hanno consentito l’ampliamento delle aree di terreno di proprietà adibite a vigneto; l’Enologo Staderini, ancora oggi segue direttamente la produzione dei tre vini di Varramista e di altri vini toscani di prestigio. E dal giorno in cui le prime bottiglie sono uscite dall’azienda, gli apprezzamenti per la qualità e la peculiarità del suo vino simbolo non si sono fatti attendere. La distribuzione selezionata a cui è destinata la produzione, ha recepito favorevolmente la novità facendola diventare in breve tempo una realtà consolidata. Oltre che su quello italiano, il rosso Varramista si è messo in evidenza anche su differenti mercati esteri e attualmente viene esportato in Inghilterra, Stati Uniti e Grecia.

L’annata 2002, nonostante gli eventi meteorologici non favorevoli, alla tenuta di Montopoli in Val d’Arno ha regalato un ottimo raccolto. Il Varramista 2002 è un vino giovane che può reggere tranquillamente un lungo periodo in bottiglia per evolvere ulteriormente. Tuttavia, se con un ulteriore invecchiamento, può diventare ancora più grande, questo rosso denota già un carattere deciso che lo rende degno di essere apprezzato da palati esigenti. Dopo la permanenza di 15 mesi in barrique di Allier e di altri 15 mesi in bottiglia, la selezione dei migliori grappoli di Syrah e di Merlot è diventata un vino di colore rubino intenso che al naso si presenta in evidenza con note tostate a cui fanno seguito sensazioni di frutta rossa in confettura e note balsamiche. In bocca, il tannino è esplosivo e al tempo stesso elegante. Supportato da un’ottima morbidezza, finisce con una persistenza impegnativa in cui dominano le note speziate.

Il rosso Varramista 2002 si abbina molto bene sia a primi piatti di riso e pasta conditi con verdure e spezie sia a carni rosse grigliate. Un’associazione che ne esalta superbamente le caratteristiche è quella con i pecorini molto stagionati come quelli di fossa. L’abbinamento che valorizza le caratteristiche organolettiche del Varramista 2002 è quello con la cacciagione in umido.

Scheda tecnica
Tipo: rosso IGT; UVE: Syrah (90%) – Merlot (10%); Produzione annata: circa 7000 bottiglie da 750 ml; VIGNETI: in produzione 4,5 ha, Nuovi 7,5 ha; Esposizione: sud, sud-ovest a 70 m.s.l.m., pendenza 10%; Ubicazione: Montopoli in Val d’Arno (PI); Tipo terreno: sabbie ed argille plioceniche con intercalazioni di lenti di ghiaia marina; Sistema di allevamento: cordone speronato unilaterale a 65 cm; Densità viti: 3.000 nei vecchi impianti, 8.000 nei nuovi impianti; Affinamento preimbottigliamento: 15 mesi in barriques con capacità 225 litri; Modalità stabilizzazione: autostabilizzazione in barrique; Affinamento in bottiglia: 15 mesi; Prezzo consigliato al pubblico: 28 euro.

Per ulteriori informazioni:

FATTORIA VARRAMISTA
www.varramista.it
Via Ricavo – Località Varramista
56020 Montopoli in Val d’Arno (PI)
Telefono (+39) 0571 447244
Telefax (+39) 0571 447216
e-mail: info@varramista.it

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.
close-link