Chiusa positivamente la settima edizione di Enopolis

0

Ieri in serata, al Chiostro di Levante del Monastero dei Benedettini di Catania, si è  chiusa la settima edizione di Enopolis,che quest’anno era stata presentata tra gli eventi del 42° Congresso Nazionale AIS. Fino all’ ultimo minuto, prima di chiudere le porte del Chiostro, normalmente non aperto al pubblico, le migliaia di persone che ancora affollavano gli spazi espositivi hanno potuto degustare un vino , prendere un contatto per futuri incontri di lavoro o provare un ultimo sigaro guidati nella degustazione dagli ottimi responsabili del Club del Toscano.

Ancora fino all’ultimo istante nella saletta che ospitava l’ultimo incontro in programma dedicato ai vini dell’Etna, si susseguivano le domande dei partecipanti all’enologo Salvo Foti e al Presidente AIS Sicilia Camillo Privitera che li avevano guidati in un percorso ideale sulla ” Montagna di Fuoco” come il titolo dell’ultimo libro di Foti. E’ stato veramente difficile allontanarsi dalla magica atmosfera che solo un posto ricco di storia può trasmettere, anche per i sommelier più esperti e per i tanti espositori che, pur avendo dimestichezza con il vino e con gli incontri di degustazione, sono rimasti affascinati e si sono attardati per potere respirare ancora un pò di questa magia.


Più che positivo quindi il commento che lo stesso Presidente Privitera ha voluto a caldo rilasciare:  ” Questa edizione, particolarmente impegnativa , che ha visto mobilitata tutta l’AIS Sicilia, non solo per la realizzazione di Enopolis, ma per la migliore riuscita del 42° congresso AIS, ha messo in moto una grande macchina organizzativa presentando un programma anche innovativo proprio per coinvolgere le nuove generazioni di soci che si sono avvicinati alla nostra. associazione negli ultimi anni. Ci riteniamo soddisfatti ed i numeri ci hanno dato ragione, proporre il vino con i suoi infiniti abbinamenti, non solo gastronomici, ma legati all’arte e alla cultura in genere, è la carta vincente ed il pubblico risponde alla grande.”


I circa 300 soci provenienti dalle altre regioni in occasione del Congresso , finiti gli impegni congressuali veri e propri , hanno infatti potuto scegliere tra le moltissime proposte legate al vino, dalle escursioni con visite alle cantine alle visite del Monastero con il Percorso dei Sensi, alle tante degustazioni a tema. Un congresso quindi che è stata anche un’occasione di festa e convivialità


Positivo anche il bilancio che il Presidente Nazionale dell’AIS, Terenzio Medri , ha tracciato in un suo intervento conclusivo prima della partenza: “il Congresso Nazionale dell’Ais è stato un momento importante per confrontarci con tutti i soci, per fare un bilancio del nostro operato e per rafforzare l’unità dell’associazione. Da qui ripartiamo con slancio in vista dei numerosi impegni che ci attendono nei prossimi mesi. Ringrazio personalmente Camillo Privitera, i delegati e tutti i
sommeliers dell’Ais Sicilia per l’accoglienza che ci hanno riservato e per averci presentato tutte le ricchezze di questa fantastica regione.
Cultura, arte ed enogastronomia appartengono alla storia di questa terra e noi sommeliers rinnoviamo il nostro impegno per la diffusione delle eccellenze che continuano a rendere la Sicilia protagonista nel panorama italiano e internazionale”.


Fondamentale la collaborazione con la Facoltà di Lettere e Filosofia, che ha sede nel Monastero, sia per la fiducia dimostrata agli organizzatori aprendo loro un vero e proprio monumento,che per la partecipazione degli studenti come guide del monastero, egregiamente dirette dal Sig Maurizio Marano, sono loro che  hanno accompagnato le centinaia di persone, che fin dall’apertura del mattino, hanno approfittato di questa speciale opportunità.


Difficile quantificare esattamente il numero dei visitatori nei due giorni, diverse migliaia, vista la possibilità dell’ingresso libero come scelta per una più ampia diffusione della cultura del vino di qualità. Soddisfatti anche gli oltre 70 espositori che hanno chiesto all’organizzazione di ripetere esperienze di questo tipo che avvicinano il pubblico promuovendo le aziende in modo unico e  coinvolgente.


Grazie quindi a tutti quelli che hanno creduto in questo connubio vincente, prime fra tutti le istituzioni cominciando dalla Regione Siciliana, nella persona del Presidente On. Raffaele Lombardo, che ha voluto presenziare all’apertura della sezione espositiva di Enopolis. Come sempre un ringraziamento all’Assessorato regionale di competenza, Agricoltura e Foreste, cha ha supportato l’evento anche con la presenza dell’ On. Giovanni La Via all’apertura del Congesso Nazionale AIS, sottolineando quindi l’importanza per il settore vinicolo siciliano di un appuntamento così prestigioso. La Provincia Regionale di Catania, da vero padrone di casa, ha dato il massimo per la migliore promozione dell’evento ed il Presidente On Giuseppe Castiglione ha portato anche un suo personale contributo partecipando al Convegno sulla viticoltura organizzato nell’ambito congressuale.


Anche l’Istituto Regionale della vite e del Vino, sempre vicino alle iniziative dell’AIS Sicilia, ha voluto sostenere l’organizzazione dell’evento così come la Camera di Commercio di Catania che si è assunta l’onere della realizzazione degli spazi espositivi. Il contributo dell’ANCE Catania con la presenza del Presidente Geom. Andrea Vecchio,impegnato in prima linea in questa direzione, ha permesso anche di dare risalto al tema della legalità durante la cerimonia di consegna del Premio a Don Luigi Ciotti.


Il Premio quest’anno è stato realizzato con il contributo di HAIER, che ha anche esposto delle innovative vetrine per la conservazione dei vini. Tra gli sponsor che seguono tutti i Congressi AIS abbiamo la Guido Berlucchi con il Premio al Miglior Sommelier d’Italia 2008 e la Bonaventua Maschio con la Borsa di studio “La ricerca dell’eccellenza”. Enopolis ha visto coinvolto anche l’Istituto Alberghiero di Nicolosi con uno stage agli alunni della segreteria che hanno seguito con molta attenzione lo svolgersi degli eventi.


Infine è doveroso ricordare che tutto questo sarebbe difficile realizzarlo senza la preziosa e professionale presenza di tutti i soci e sommelier dell’AIS Sicilia, che hanno partecipato con entusiasmo e senza risparmio di energie distinguendosi tutti per cortesia e disponibilità. L’AIS Sicilia, in vista di altri importanti eventi, invita tutti a seguire anche i corsi di formazione e le tante iniziative legate al vino che durante l’anno saranno proposte in tutta la regione.


Tutte le foto dell’evento suddivise per argomenti sono scaricabili dal sito www.sommeliersicilia.com.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.