Enoteca Italiana: è Claudio Galletti il nuovo presidente dello storico Ente Vini.

0

E’ Claudio Galletti, 54 anni, dal 1999 assessore all’Agricoltura della provincia di Siena, il nuovo presidente di Enoteca Italiana, lo storico Ente Mostra Vini istituito nella città del Palio nel 1933, oggi diretto dal Segretario Generale Fabio Carlesi. “Sono sorpreso e allo stesso tempo gratificato per questo nuovo incarico”, afferma Galletti che da oggi prende ufficialmente il posto di Flavio Tattarini – nominato a sua volta presidente del Comitato Nazionale Vini, organismo del Ministero delle Politiche Agricole che si occupa delle denominazioni – nel suo ufficio in via Camollia, nel centro di Siena, non distante dalla cinquecentesca Fortezza Medicea, storica sede di Enoteca Italiana, nei cui sotterranei è stata inaugurata di recente la nuova esposizione “informatizzata” di oltre 1600 vini provenienti da tutta Italia, consultabile mediante apparecchi palmari.

Nato a Castiglione d’Orcia (Siena), Claudio Galletti è vicepresidente nazionale dell’Associazione Città dell’Olio (2002), consigliere nazionale dell’Associazione Città del Vino (2003) e presidente dell’Associazione QualiAmbiente (2007). Esperto di marketing e politiche dell’agro-alimentare, che nel Senese ha uno dei punti di forza della produzione nazionale – è suo il merito del rilancio della Cinta senese, la valorizzazione dei prodotti a denominazione d’origine protetta e la “zonazione” del territorio senese per vocazione viticola ed olearia -, Claudio Galletti è un buon conoscitore di vini.

Cosa beve? “Tutti i vini, ma con moderazione”, spiega Galletti. E poi aggiunge: “Enoteca Italiana deve riconquistare il suo ruolo di luogo di riferimento nazionale del vino. Questo è uno degli obiettivi più importanti. Appena 15 giorni fa, è giunto un riconoscimento in tal senso da parte del ministero. Era uno dei miei obiettivi… Formalmente, poi però bisogna che Enoteca Italiana lo diventi nella sostanza, e che dimostri la sua capacità di essere momento di aggregazione delle enoteche regionali, un vero e proprio punto di riferimento del sistema. L’augurio – conclude il nuovo presidente di Enoteca Italiana – è che i vini italiani si posizionino sui mercati nazionali e internazionali anche meglio di quanto hanno fatto negli ultimi anni, che li hanno visti sempre al top nel mondo”.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.