Edoardo Freddi International: analisi export vini italiani 2021-2023

0
193
export vini

Nonostante il perdurare della guerra ed i rincari stellari delle materie prime (specie il vetro), dei trasporti (specie intercontinentali) e delle bollette energetiche, l’export di vini italiani tiene. Scendono i volumi specie in GdO, ma salgono sensibilmente i valori dell’export trainato dai fine-wine specie nella ristorazione. Amarone, Barolo e Chianti Classico sono i “re di cuori” delle bottiglie premium, specie in USA e Cina; ma si assiste anche ad una rinnovata domanda di Prosecco (il “principe” delle bollicine), È quanto emerge dalla ricerca qualitativa realizzata dall’Osservatorio EDOARDO FREDDI INTERNATIONAL sui trend dell’export di vini italiani nel mondo negli anni 2020/2022 e proiezioni 2023 (analisi su dati ISTAT e Nielsen).  

  1. SCENARIO 2023 EXPORT VINO ANCORA COMPLICATO, CAUSA INCERTEZZA GUERRA.
  2. SCENDONO I VOLUMI MA SALE IL VALORE DELL’EXPORT.
  3. FINE WINE: AMARONE, BAROLO E CHIANTI CLASSICO SEMPRE AL TOP.
  4. BOLLICINE: PROSECCO INARRESTABILE.
  5. TOP10 EXPORT VINI PER REGIONE

Classifica mercati 2022 (dati export a valore, 1° gennaio – 31 dicembre 2022, fonte osservatorio Edoardo Freddi International)

  • USA: rappresenta il 15% del totale export a valore e ha registrato una crescita del +11% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021
  • GERMANIA: rappresenta il 14% del totale export a valore e ha registrato una crescita del +17% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021
  • SVIZZERA: rappresenta il 10% del totale export a valore e ha registrato una crescita del +1 rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021
  • CANADA: rappresenta il 9% del totale export a valore e ha registrato una crescita del +22% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021
  • UK: rappresenta l’8% del totale export a valore e ha registrato una crescita del +7% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021
  • CINA: rappresenta il 7% del totale export a valore e ha registrato una crescita del +60% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021

 

 

Vini maggiormente esportati in USA 2022 (dati export a valore, 1° gennaio – 31 dicembre 2022, fonte osservatorio EFI)

  • Falanghina, il quale ha visto una crescita del +33% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Pinot Grigio, il quale ha visto una crescita del +27% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Prosecco, il quale ha visto una crescita del +25% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Amarone della Valpolicella, il quale ha visto una crescita del +44% rispetto al 2021;
  • Gavi, il quale ha visto una crescita del +58% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021.

 

Vini maggiormente esportati in Germania 2022 (dati export a valore, 1° gennaio – 31 dicembre 2022, fonte osservatorio EFI)

  • Lugana, il quale ha visto una crescita del +12% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Sauvignon, il quale ha visto una crescita del +5% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Amarone della Valpolicella, il quale ha visto una crescita del +63% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Chardonnay, il quale ha visto una crescita del +2% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Pinot Bianco, il quale ha visto un calo del -7% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;

 

Vini maggiormente esportati in Svizzera 2022 (dati export a valore, 1° gennaio – 31 dicembre 2022, fonte osservatorio EFI)

  • Moscato d’Asti, il quale ha visto un calo del -4% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Amarone della Valpolicella, il quale ha visto una crescita del +11% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Valtellina Superiore, il quale ha visto una crescita del +18% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Chianti Classico, il quale ha visto una crescita del +9% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021.

 

Vini maggiormente esportati in Canada 2022 (dati export a valore, 1° gennaio – 31 dicembre 2022, fonte osservatorio EFI)

  • Chardonnay, il quale ha visto una crescita del +24% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Montepulciano d’Abruzzo, il quale ha visto una crescita del +28% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Pinot Grigio, il quale ha visto una crescita del +52% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Trebbiano, il quale ha visto una crescita del +16% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021.

 

Vini maggiormente esportati in UK 2022 (dati export a valore, 1° gennaio – 31 dicembre 2022, fonte osservatorio EFI)

  • Prosecco, il quale ha visto una crescita del +13% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Gavi, il quale ha visto una crescita del +4% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Barolo, il quale ha visto una crescita del +8% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Falanghina, il quale ha visto una crescita del +5% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021.

 

Vini maggiormente esportati in Cina 2022 (dati export a valore, 1° gennaio – 31 dicembre 2022, fonte osservatorio EFI)

  • Barolo, il quale ha visto una crescita del +11% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Amarone della Valpolicella, il quale ha visto una crescita del +14% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Moscato d’Asti, il quale ha visto una crescita del +4% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Brunello di Montalcino, il quale ha visto una crescita del +8% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021.

 

Classifica dei vini maggiormente esportati (dati export a valore, 1° gennaio – 31 dicembre 2022, fonte osservatorio EFI)

  • Chardonnay, il quale ha visto una crescita del +5% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Barolo, il quale ha visto una crescita del +9% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Pinot Grigio, il quale ha visto una crescita del +13% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Prosecco, il quale ha visto una crescita del +20% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Chianti Classico, il quale ha visto una crescita del +7% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Montepulciano d’Abruzzo, il quale ha visto una crescita del +12% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Amarone della Valpolicella, il quale ha visto una crescita del +23% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Falanghina, il quale ha visto una crescita del +16% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Moscato d’Asti, il quale ha visto una crescita del +5% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021;
  • Gavi, il quale ha visto una crescita del +18% rispetto allo stesso periodo considerato nel 2021.

 

Classifica delle regioni (dati export a valore, 1° gennaio – 31 dicembre 2022, fonte osservatorio EFI)

  • Veneto
  • Piemonte
  • Trentino
  • Toscana
  • Abruzzo
  • Campania
  • Lombardia
  • Friuli
  • Puglia
  • Sicilia

TOP10 EXPORT VINI PER REGIONE

1)Il Veneto, che da solo rappresenta più di un 1/3 un terzo di tutto l’export di vino italiano, continua ad aumentare la sua quota di mercato con Prosecco e Pinot Grigio delle Venezie che sono fra le prime quattro denominazioni di origine più vendute al mondo: e hanno quote di mercato incredibili specie in USA E UK. In termini di qualità e alto posizionamento invece, l’Amarone della Valpolicella e il Ripasso continuano ad aumentare vendite e prestigio, con Germania e Usa al top.

2)Piemonte, che da solo “pesa” oltre 1/6 un sesto di tutto l’export di vino italiano, è la regione al top di vendita del vino di qualità in Italia: con il Barolo che è uno dei vini più ricercati e pagati al mondo, ed il Barbaresco che arriva subito dopo. A distanza abbiamo poi Dolcetto e Barbera. Ovviamente in termini di volumi di vendita primeggiano il Moscato d’Asti e l’Asti, fra i vini italiani più acquistati al mondo.

3)Il Trentino Alto Adige guadagna una posizione rispetto allo scorso anno: era 4° nel 2021. Noto per l’alta qualità dei suoi vini bianchi, fra cui il Gewutraminer, Pinot Bianco e Grigio, Muller Thurgau, il Trentino AA è celebre anche per i suoi spumanti, fra cui troneggia il Trento Doc: ossia uno dei migliori spumanti italiani. Da non dimenticare i rossi leggiadri della regione quali Schiava e Lagrein.

4)Toscana, anche se perde il podio rispetto allo scorso anno (era terza nel 2021), è la regione italiana più nota al mondo per i suoi vini rossi (circa il 90% della produzione regionale). Protagonisti di tale boom sono il Brunello di Montalcino ed il Chianti, che da solo rappresenta la metà del volume imbottigliato; seguito poi dal Chianti Classico. Il Sangiovese è il vitigno alla base di tutti questi vini. Da non dimenticare la costa toscana coi grandi vini della DOC Bolgheri.

5)Abruzzo guadagna ben 2 posizioni rispetto allo scorso anno (era settimo nel 2021) è famosa per il rosso Montepulciano. Ma, negli ultimi anni, è anche Pecorino e Passerina: vini bianchi di carattere. Si assiste e in specie con questi ultimi un fenomeno di premiumizzazione dei prodotti.

6)Campania guadagna addirittura 4 posizioni (era al decimo posto nel 2021): i vini campani aumentano costantemente la loro quota di export negli ultimi anni e si pongono come i futuri protagonisti del Sud Italia, insieme a Puglia e Sicilia. Aglianico, e specie come Taurasi, ma anche Fiano e Falanghina, e non meno il Greco di Tufo si trovano sempre più presenti in tutto il mondo.

7)In Lombardia (che perde una posizione rispetto al 2021) spiccano i vini del lago, quale la Lugana, le cui vendite sono al top delle performance di crescita fra i vini italiani, e che si trovano specie in Usa e Giappone. Ovviamente altrettanto importanti sono i vini della Valtellina come lo Sforzato o quelli meno conosciuti dell’Oltrepò Pavese.

8)Friuli Venezia Giulia: la regina dei vini italiani di qualità col Friulano, il Sauvignon, lo Chardonnay. Importante anche per i vini prodotti in maggior scala, quale Prosecco e Pinot Grigio.

9)Puglia è stata la rockstar della crescita come vendita vini all’estero degli ultimi anni: il Primitivo di Manduria e l’Appassimento, ossia vini rossi di grande corpo e ampiezza, hanno conquistato i mercati asiatici subito dopo quelli Europei. Anche il Negroamaro continua ad aumentare le vendite all’estero.

10)Sicilia: i vini dell’Etna sono stati una delle più rilevanti novità per i vini pregiati degli ultimi 8-9 anni. Ed hanno dunque occupato le prime posizioni nei mercati di riferimento del vino italiano. Ovviamente Nero d’Avola e Grillo, ossia le DOC Sicilia più prodotte e conosciute, hanno invece continuato la loro diffusione in tutto il mondo.

 

EDOARDO FREDDI INTERNATIONAL

Con 10 anni di storia alle spalle, la Edoardo Freddi International, è la prima azienda italiana di export management del settore vino. Essa continua a crescere, confermandosi una realtà unica e senza competitor per il settore enologico italiano nel mondo, in un trend positivo costante che non si arresta dal 2012, anno di nascita dell’azienda: e che ha portato a chiudere il 2022 con 80 milioni di euro di fatturato, per quanto concerne il gestito presso le aziende rappresentate, in crescita di circa il 30% rispetto all’anno precedente.

Un vero e proprio “acceleratore di business” – così si può definire la Edoardo Freddi International – che conta 33 milioni di bottiglie commercializzate e 43 cantine in partnership, rappresentate in esclusiva e acquisite in 6 anni di attività, tra cui San Leonardo, Marchesi di Barolo, San Michele Appiano, Tunella, Montevetrano, Capichera, Codice Citra, Broglia e Michele Satta.

Edoardo Freddi International
Edoardo Freddi

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale e rimani aggiornato sulle novità del panorama vitivinicolo italiano. Prova, ti puoi cancellare quando vuoi!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here