Frescobaldi impianta a Gorgona il secondo ettaro di vigne

0
45
Lamberto Frescobaldi e Progetto Gorgona

Frescobaldi raddoppia. Sono state impiantate ieri da alcuni detenuti dell’isola carcere di Gorgona insieme al Marchese Lamberto Frescobaldi, all’enologo Federico Falossi e al suo staff le barbatelle di Vermentino per portare a due ettari il piccolo vigneto sull’ultima isola carcere esistente in Italia, adottato dai Frescobaldi nell’agosto del 2012, che ad oggi ha regalato tre vendemmie.

Questo secondo ettaro permetterà ad un numero sempre maggiore di detenuti di lavorare sul progetto Frescobaldi per Gorgona. Ad oggi sono circa 20 i ragazzi che si sono dedicati alla vigna, a rotazione, dei 70 che vivono sull’isola e al momento sono 5 quelli assunti e stipendiati dai Frescobaldi.

I lavori termineranno nel giro di un paio di giorni poi bisognerà avere pazienza. Almeno sei anni per poter assaggiare quello che andrà a produrre questa vite. “Allevare una vigna è una cosa bellissima, ha un che di sacrale perché poi la vigna cresce, ha una storia diversa ogni giorno, è vita e mi auguro che sia vita anche per le persone che lavorano qui, che li faccia appassionare e li coinvolga in questa coltivazione millenaria che ha unito e fatto discutere i popoli ma che oggi ci abbraccia tutti”.

Un progetto sociale destinato a durare nel tempo, ad oggi i Frescobaldi hanno firmato un contratto di affitto per ben 15 anni con anche l’obiettivo di arrivare dalle 3200 bottiglie della vendemmia 2014, di vino bianco a base di uve Ansonica e Vermentino, alle 6 mila bottiglie nei prossimi anni per raccontare l’unicità del luogo ma anche l’eccellenza italiana.

Un progetto nel quale l’azienda crede molto: ad oggi annualmente ha investito 100.000 euro di cui quasi il 50% per la formazione dei detenuti che in un momento di crisi del Paese significa molto. Un bell’esempio di come pubblico e privato possano fare sistema; un modello di carcere positivo tutto italiano che ha fatto il giro del mondo e che si spera venga replicato anche da altre realtà sul territorio.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here