La Disfida degli autoctoni: vince il nero di troia

0
26
La Disfida degli autoctoni

12 a 1, e la storia si ripete: l’autoctono Nero di Troia ha sbaragliato il rivale Tannat nello scontro che ieri sera, in occasione de “La Disfida degli autoctoni”, ha visto i pellegrini protagonisti del press tour “Pellegrinaggio artusiano” rievocare in chiave enologica lo storico evento della Disfida di Barletta. L’evento si è tenuto nella suggestiva cornice medioevale della “Cantina della Sfida”, luogo dove realmente ebbe inizio il famoso scontro.

A determinare lo schieramento vincitore i sensi dei giornalisti ospiti, che hanno degustato tredici etichette di Nero di Troia e altrettante di Tannat, in una competizione all’ultimo calice. All’evento hanno partecipato operatori dell’enogastronomia, produttori, ristoratori, opinion leaders e winelovers. Partner dell’evento l’assessorato alle Risorse Agroalimentari della Regione Puglia.

Il Puglia Press Tour® “Pellegrinaggio Artusiano – Alla scoperta dei luoghi della Disfida di Barletta”, svoltosi nei territori della Murgia dal 9 al 14 maggio e organizzato dal Movimento Turismo del Vino Puglia, ha visto 12 giornalisti della stampa specializzata nazionale percorrere a piedi circa 120 km per esplorare la ricchezza del patrimonio enogastronomico, storico, culturale e paesaggistico del territorio della Puglia Imperiale. I “pellegrini” hanno camminato lungo un itinerario che, dal confine con la Basilicata, si è snodato attraverso il Parco dell’Alta Murgia, scandagliando i territori intorno a Minervino Murge e Montegrosso, visitando Andria e Trani fino a Barletta, svelando la ricchezza dei paesaggi dell’area vitivinicola all’ombra di Castel del Monte.

Protagoniste le tradizioni enogastronomiche del territorio, svelate attraverso l’incontro con i custodi delle produzioni tipiche locali e delle antiche radici che le legano al territorio: le cantine, gli artigiani del gusto, le masserie, generando a ogni sosta incontri, eventi conviviali ed esperienze sensoriali all’insegna dei sapori e delle tradizioni rinnovate.  Curiose e interessanti le tappe al caseificio della burrata, al pastificio, dove si è assistito alla produzione della pasta da preparare secondo le ricette della tradizione, ai musei del confetto e dell’olio extravergine d’oliva.

Accanto alle fermate golose, il percorso ha fatto tappa anche nei luoghi storici legati alla Disfida di Barletta, culminando nella sosta presso l’Epitaffio della Disfida che, sulla strada fra Trani e Andria, segna il luogo dove si svolse la battaglia. Il tutto inframmezzato da soste e cene “artusiane” alla presenza di ristoratori, produttori e storici del territorio.

Interessante e istruttiva la sosta del 12 maggio presso la Casa di Reclusione Femminile di Trani, dove i pellegrini hanno visitato il laboratorio sartoriale di “Made in Carcere”. Il progetto fa parte delle attività di “Officina Creativa”, la cui fondatrice Luciana Delle Donne promuove la filosofia della “seconda opportunità”: per le donne detenute, riscattate con un impiego creativo e formativo, e per le materie prime, che da scarto di magazzino trovano nuova identità negli accessori trendy e solidali di “Made in Carcere”.
Il “Pellegrinaggio Artusiano” fa parte di un più ampio progetto che, dal 2011, porta un gruppo di giornalisti a incamminarsi, nel nome del padre della gastronomia italiana Pellegrino Artusi, alla scoperta del patrimonio enogastronomico, culturale e storico degli angoli più affascinanti d’Italia, conciliando avventura, scoperte, suggestioni, percorsi tortuosi e preziosi traguardi.  

Questa esperienza è stata anche un’occasione per presentare ai giornalisti ospiti il programma di Cantine Aperte in Puglia, atteso evento principe della programmazione annuale del Movimento Turismo del Vino in tutt’italia, in programma il prossimo 25 maggio nelle cantine socie.

Il tour è stato organizzato con la collaborazione del GAL “Le Città di Castel del Monte” e reso possibile grazie al contributo per l’ospitalità di PugliaPromozione.

I “pellegrini artusiani” che partecipano all’edizione pugliese sono i “fondatori” Stefano Tesi, Serena Guidobaldi, Rosanna Ferraro, Tommaso Chimenti, Marco Sodini, Pierluigi Orler, Marco Peroni e le “new entries” Isabella Mancini, Paola Gula, Francesca Landolina, Paolo della Corte e Diego Zanetti.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale e rimani aggiornato sulle novità del panorama vitivinicolo italiano. Prova, ti puoi cancellare quando vuoi!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here