Cantina di Terlano, la più premiata dell’Alto Adige

0
91
Featured image

Ormai è ufficiale: con 16 ottime valutazioni conferite dalle sei più importanti guide italiane ai vini, la Cantina di Terlano è la cantina altoatesina più premiata di quest’anno. Apprezzamento per i vini di Terlano è stato espresso dagli esperti anche in occasione della recente degustazione verticale tenutasi nell’ambito del “Merano Winefestival” che ha registrato il tutto esaurito. In degustazione sono state offerte dieci annate di Pinot Bianco Vorberg a partire dal 1956 in avanti.

I riconoscimenti assegnati dalle sei maggiori guide italiane ai vini da una parte testimoniano l’indiscutibile qualità dei vini, e dall’altra rappresentano la carta in più che le aziende possono giocare anche nella commercializzazione dei propri prodotti. Quest’anno la Cantina di Terlano è riuscita a collezionare ben 16 premi conferiti dalle guide Gambero Rosso, L´Espresso, I Vini di Veronelli, Bibenda, ViniBuoni d´Italia e Slow Wine. “Un numero così alto di premiazioni è per noi e per tutto il settore vitivinicolo altoatesino un vero e proprio record e conferma ancora una volta che il nostro continuo impegno nel perseguire la qualità è stato riconosciuto anche dalle più autorevoli personalità del mondo dei vini”, afferma Georg Höller, presidente della cantina.

I 16 riconoscimenti sono andati a nove vini prodotti nella Cantina di Terlano: Chardonnay 2000 (I Vini di Veronelli, Bibenda e Slow Wine), Quarz Sauvignon 2011 (L´Espresso, I Vini di Veronelli, Bibenda), Porphyr Lagrein Riserva 2010 (I Vini di Veronelli), Schiava grigia 2012 (ViniBuoni d´Italia), Lunare Gewürztraminer 2011 (I Vini di Veronelli), Andrius Sauvignon 2011 – Cantina Andriano (Gambero Rosso), Juvelo Gewürztraminer Passito 2011 – Cantina Andriano (ViniBuoni d´Italia), Tor di Lupo Lagrein Riserva 2010 – Cantin Andriano (Bibenda). A questi si aggiungono i 95 punti conferiti a tre vini di Terlano dall’esperto di vini italiani, nonché ex critico del “Wine Spectator”, James Suckling, rispettivamente allo Chardonnay 2000, al Quarz Sauvignon 2010 e al Porphyr Lagrein Riserva 2009. Il vino targato Cantina Terlano più premiato in assoluto è stato il Vorberg Pinot Bianco Riserva 2010 che, da solo, ha collezionato quattro importanti riconoscimenti dal Gambero Rosso, L´Espresso, I Vini di Veronelli e Slow Wine. Cantina Terlano conquista così anche il podio per il singolo vino più premiato in Alto Adige.

Il Vorberg è stato di recente anche il protagonista di una esclusiva verticale di Cantina Terlano organizzata nell’ambito del “Merano Winefestival”. Il cosiddetto Masterclass Tasting, tenutosi presso l’Hotel Therme, ha visto la partecipazione di una cerchia selezionata di 70 esperti, fra cui distributori e critici. Sono state dieci le annate di Pinot Bianco degustate (1956, 1966, 1979, 1987, 1997, 2002, 2005, 2007, 2010, 2011). “Molti presenti sono rimasti esterrefatti dalla struttura e dalla complessità che anche le annate più vecchie hanno saputo esprimere”, dichiara Rudi Kofler, enologo di Terlano.

Non è un caso che siano state degustate annate così vecchie, vista la fama internazionale di Terlano come produttore di vini bianchi straordinariamente longevi: “Il terroir a Terlano è ideale per la produzione di vini eccezionalmente freschi e minerali con una struttura ed un’eleganza in grado di svilupparsi negli anni fino a raggiungere la perfezione”, conclude Kofler.

Rudi Kofler enologo Cantina Terlano

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here