I vini di Tenuta Sette Ponti per la visita del Papa in Toscana

0
49
Featured image

Il grande rosso Oreno e il raffinato bianco Anni della Tenuta Sette Ponti saranno i vini protagonisti del pranzo ufficiale che il 13 maggio si svolgerà nel Palazzo Vescovile in occasione della visita ufficiale di Sua Santità Benedetto XVI ad Arezzo, La Verna e Sansepolcro. Dopo gli impegni in programma per la mattinata, presso Palazzo Vescovile sarà servito il pranzo con le più alte cariche ecclesiastiche della Toscana: insieme al Santo Padre con il suo seguito e all’Arcivescovo Riccardo Fontana saranno presenti tutti i Vescovi della regione.

Il menu, studiato e preparato dallo Chef Paolo Tizzanini e dalla moglie Paola Failli dell’Osteria L’Acquolina di Terranuova Bracciolini, sarà un’esaltazione dei prodotti stagionali del territorio, accompagnati dalla migliore selezione dei vini locali. Tra questi, saranno serviti il rosso Oreno ed il bianco Anni della Tenuta Sette Ponti di Arezzo.

Oreno è un vino di nobili origini, nasce infatti nella Tenuta che fu proprietà del casato reale dei Savoia, acquisito nel 1946 dalla famiglia Moretti, cui tutt’ora appartiene. E’ ormai ritenuto un vino culto: pluripremiato dalla più accreditata critica internazionale, è tra le etichette italiane più presenti in vetta alle classifiche stilate dalle maggiori riviste mondiali specializzate nel settore vinicolo.

In questa terra storicamente vocata alla produzione di grandi vini rossi, nasce anche Anni, il grande “bianco” di Tenuta Sette Ponti, frutto di un’indagine accurata dei terreni più vocati e dei migliori vitigni, Sauvignon Blanc e il Viogner, che insieme formano una rara sintesi di potenza, complessità aromatica e finezza. Un’occasione importante che conferma il prestigio di queste due etichette d’eccellenza della Tenuta Sette Ponti di Antonio Moretti.

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale e rimani aggiornato sulle novità del panorama vitivinicolo italiano. Prova, ti puoi cancellare quando vuoi!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here