Agrigento, trenta giornalisti alla scoperta del vino

0

Per tre giorni Agrigento e la sua provincia diventano capitali siciliane del vino. Dal 5 al 7 febbraio trenta giornalisti specializzati in arrivo da tutta Italia, ma anche i corrispondenti di testate del settore di Cina, Corea e Germania, avranno la possibilità di conoscere i vini dell’Agrigentino nel corso di un educational organizzato dal Cida (il Consiglio interprofessionale vini Doc e Igt della provincia di Agrigento istituito presso la Camera di Commercio).

Per i giornalisti è stato pianificato un programma che permetterà loro di assaggiare i vini e visitare le cantine del territorio attraverso un tour a loro riservato. Tra le tappe c’è il seminario tecnico dove protagonisti saranno i vini bianchi autoctoni, previsto nel pomeriggio di giovedì 5 alle Case di Stefano di Agrigento, a guidare la degustazione sarà Camillo Privitera, presidente siciliano dell’Ais (Associazione italiana sommelier). Il giorno successivo l’educational entrerà nel vivo con le visite alle cantine della zona occidentale della provincia (Menfi e Sambuca) e con la presentazione, prevista nel pomeriggio (ore 17,30) alle Stoai, del libro di Roberto Spera “I vini dell’Agrigentino, vigneti e luoghi incantati della Valle dei Templi”. A seguire, a partire dalle 19, degustazione aperta al pubblico dei vini delle aziende agrigentine. Mentre in serata, per una cena di gala all’Hotel della Valle, protagonista sarà la cucina stellata di Pino Cuttaia, chef del ristorante La Madia di Licata. Sabato ancora visite nelle cantine e degustazione, prevista al castello di Racalmuto, dei vini delle aziende di collina.


“Quella di quest’anno – commenta Marilena Barbera, produttrice e presidente del Cida – vuole essere la prima di una serie di iniziative che metta Agrigento, il suo vino e il suo territorio al centro dell’attenzione mediatica, aprendo un circolo virtuoso che faccia ricordare questa zona più per i bei regali che la natura le ha fatto che per i fatti spiacevoli di cui è stata più volte protagonista”.


Spazio anche alla cultura del territorio con la visita alla Valle dei Templi, al Giardino della Kolymbetra, patrimonio del Fai, alla Fondazione Sciascia di Racalmuto, in occasione del ventesimo anno dalla morte di Leonardo Sciascia. In programma anche un’esibizione dell’artista Sara Cappello.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.
close-link