Etna Rosso ‘a Rina 2009 Girolamo Russo

0
21
Featured image

Etna Rosso, ebbene si, ancora una volta torno a scrivere di un Etna Rosso, ma questa volta di un altro più che promettente produttore vinicolo, Giuseppe Russo. Ormai da tempo è proprio Giuseppe Russo infatti che porta avanti con davvero tanta passione la piccola cantina di Castiglione di Sicilia (CT) fondata dal padre Girolamo. I Russo possiedono circa 15 ettari di vigneti coltivati a Nerello Mascalese e Nerello Cappuccio sparsi un po’ ovunque nei dintorni di Castiglione di Sicilia. Dai vigneti, vecchi anche di 80 anni, i Russo producono e commercializzano tre diversi Etna Rosso DOC. Quello che vi presenterò oggi è la versione base della loro piccolissima produzione, l’Etna Rosso DOC ‘a Rina, vendemmia 2009. Mi piace infatti giudicare una cantina dai vini base, e non dai vini di punta aziendali, o cru, come in questo caso per esempio l’Etna Rosso San Lorenzo (Tre Bicchieri Gambero Rosso per la vendemmia 2009) e l’Etna Rosso Feudo (5 Grappoli Duemilavini per la vendemmia 2009).

L’Etna Rosso ‘a Rina della cantina Girolamo Russo è prodotto quasi interamente con Nerello Mascalese e solo piccole percentuali di Nerello Cappuccio. Le uve utilizzate provengono dai diversi vigneti aziendali, e rappresentano gli “scarti” della produzione. Attenzione però, in questo caso la parola “scarti” non deve essere intesa in senso dispregiativo, o comunque negativo, ma solo per far capire che le uve migliori, vengono usate per produrre i due cru aziendali, e le restanti per il vino base. Il vino si presenta con un bel colore rosso rubino luminoso, un po’ scarico. Al naso è molto fruttato, vinoso, con sentori che ricordano i piccoli frutti rossi e il sottobosco, e leggere note speziate. In bocca risulta rotondo, un tantino tannico, e con una buona acidità, finale discretamente lungo e soprattutto pulito. Nel suo complesso l’Etna Rosso ‘a Rina vendemmia 2009 è un vino accattivante e immediato, molto facile da bere, un vino comunque con una propria personalità e per niente banale, che fa, e fa fare una bella figura a tavola. Il suo prezzo in enoteca si aggira intorno ai 18,00 euro. Ah dimenticavo, tutte le uve provengono da coltivazione biologica.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here