Tinata 2011: grandi formati per un gioiello toscano

0
78
Monteverro Tinata Range 2011

Tinata, il cru che Georg Weber produce nella sua Monteverro (Capalbio), con la nuova vendemmia in commercio si fa in grande: l’annata 2011 ha visto infatti la presentazione di due nuovi, grandi formati – i 3 e 5 litri – che sottolineano anche visivamente l’importanza del vino.

Ha quasi dieci anni il vigneto di Syrah e Grenache che occupa una piccola porzione della vigna aziendale, quattro ettari che hanno prodotto fin dalla prima annata (il 2008) uve di grande e raffinata struttura. E con il 2011, grazie ad una vendemmia davvero felice, Tinata mostra una trama aromatica fitta che ricorda la macchia mediterranea e una profondità che esprime appieno l’eleganza del Syrah, presente nel blend al 70%. Mentre da parte sua il Grenache – le cui potenzialità sono ancora tutte da esplorare per gran parte della viticoltura toscana costiera – ci mette quella intensità e quello spessore che modellano il carattere così particolare di Tinata.

La vendemmia, si diceva: il 2011 ha esordito con un inverno molto piovoso che ha dato in dotazione al terreno ottime riserve d‘acqua, molto preziose per affrontare al meglio periodi anche siccitosi come è stata la primavera, durante la quale sono state registrate temperature superiori alla media. Grazie ad un’estate relativamente fresca la maturazione dei grappoli ha registrato un’accelerazione e il 26 agosto è iniziata la raccolta del Syrah, il 10 settembre quella del Grenache. Le due uve sono state vinificate separatamente, sono seguiti 16 mesi di maturazione in barriques nuove al 40% ed in vasche in cemento a forma d’uovo prima dell’assemblaggio finale. Nessuna chiarifica né filtrazione ha preceduto l’imbottigliamento.

Di Tinata 2011 sono state prodotte 7.473 bottiglie, 520 magnum, 300 doppie magnum e 50 bottiglie da imponenti 5 litri.

***

Monteverro nasce nel 2003 ad opera di Georg Weber, giovane imprenditore bavarese che ha scelto Capalbio, estremo sud della Maremma toscana, come sua seconda patria. La proprietà interessa in tutto 50 ettari di cui 27 destinati a vigneto. Oltre a Tinata l’azienda produce altri tre vini rossi e due bianchi: al top si colloca Monteverro, blend di Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot e Petit Verdot. Stesso uvaggio ma con uve provenienti da parcelle diverse per Terra di Monteverro, mentre Verruzzo è il vino di impianto più toscano grazie alla presenza del Sangiovese accanto a Merlot, Cabernet Sauvignon e Franc. I due bianchi dell’azienda sono infine l’importante Chardonnay in purezza e, nel segno del territorio, il Vermentino. A completamento della gamma, infine, la Grappa di Monteverro da vinacce di uve Merlot, Cabernet Sauvignon e Cabernet Franc, ottenuta con il tradizionale sistema della distillazione discontinua.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here