Il miglior Riesling è quello della Cantina Laimburg in Alto Adige

0
33
Featured image

Ancora non si è spenta l’eco per l’assegnazione della “Gran Medaglia d’Oro” al Vinitaly di quest’anno al Gewürztraminer Elyònd 2010 nella categoria vini bianchi tranquilli, che il Podere Provinciale Cantina Laimburg, una delle più rappresentative realtà vitivinicole dell’Alto Adige, continua a raccogliere prestigiosi riconoscimenti, questa volta l’ultima assegnazione in ordine di tempo è stata la medaglia d’oro attribuita al Riesling Doc 2012 al Concorso nazionale del Riesling 2013 che si è svolto a Naturno, nel cuore della Val Venosta.

Grande consenso hanno raccolto i vini della Cantina Laimburg anche nelle principali guide enologiche nazionali ed internazionali, L’Alto Adige Doc Lagrein Riserva Barbagòl 2010, ha ottenuto la “Golden Star” dalla prestigiosa guida enologica “Vini Buoni D’Italia”, i 5 Grappoli da Bibenda, e le Super Tre Stelle dalla Guida I Vini di Veronelli. A conquistare i degustatori l’elegante bouquet con intense note di ciliegia che si fondono armoniosamente ad aromi tostati. I vigneti di questo vero fuoriclasse crescono in una delle zone più vocate dell’Alto Adige, a 250 m s.l.m. nella zona di Gries.

Quest’anno le Super Tre Stelle di Veronelli sono state attribuite sia al Gewürztraminer Elyònd 2011, che al Sauvignon Oyèll 2011. Quest’ultimo, super premiato anche nelle scorse edizioni, dall’inconfondibile bouquet di note fruttate e ha un’accentuata mineralità e una spiccata acidità. Le uve Sauvignon crescono a Montefranco vicino a Merano su di un pendio sud-orientale a 450 m s.l.m. Il Sauvignon Oyèll è stato segnalato dall’autorevole testata Merum, che ne ha attribuito il diploma di merito.

All’edizione 2013 del concorso Douja d’Or il Podere Provinciale Cantina Laimburg ha vinto con il vino Lagrein Riserva Barbagòl 2009 e con il Traminer Aromatico Elyònd 2011, ottenendo l’oscar con il Cabernet Riserva Sass Roà 2010. Inoltre sono stati premiati con l’Oscar nella guida Berebene Low Cost 2014 di Gambero Rosso il Lago di Caldaro Superiore Olleiten e il Pinot Grigio, entrambi dell’annata 2012.

Sul piano dei riconoscimenti internazionali, la guida vini austriaca Falstaff ha attribuito i 91 punti al Lagrein Riserva Barbagòl 2010 e al Riesling 2012. Premiazione inoltre del Pinot grigio 2013 svoltasi a Kaiserstuhl/Bada (Germania): 4 stelle corrispondenti a un punteggio tra 86 a 91,99 punti, aggiudicatosi tra i dieci migliori vini di categoria.

La Cantina Laimburg situata nella Bassa Atesina, vinifica uve provenienti da 11 poderi provinciali dislocati nelle zone più vocate dell’Alto Adige con l’obiettivo di interpretare al meglio il carattere tipico di ogni vitigno. Gestita dall’omonimo Centro di Sperimentazione Agraria e Forestale, con i suoi 45 ettari produce mediamente ogni anno 180.000 bottiglie, di cui il 60% a vini bianchi.

I vigneti, dislocati in diversi masi tra Merano, Bolzano, Bressanone, la Bassa Atesina e l’Oltradige, le variegate altitudini e le differenti caratteristiche dei terreni contribuiscono alla produzione di vini dall’ampio e diversificato spettro di profumi e aromi. A custodire le barrique con il pregiato nettare la spettacolare “Cantina nella Roccia”, un luogo che per la sua unicità è conosciuto in tutta Europa ed essendo la sede della Giunta Provinciale è visitato ogni anno da numerosi politici e personaggi di cultura internazionali. I vini della Cantina Laimburg sono suddivisi in due linee stilistiche: I “Vini del Podere”, dal carattere tipicamente varietale e la “Selezione Maniero”.

I “Vini del Podere”, tutti monovitigno, sono vinificati in acciaio i bianchi e parzialmente affinati in grandi botti di rovere i rossi; mentre quelli della “Selezione Maniero” sono vini crù dalla spiccata personalità che riflettono il carattere del vitigno.

Alle origini della lingua ladina

I nomi dei vini della “Selezione Maniero” di origine ladina, si ispirano a antiche leggende dolomitiche: Oyèll, signora delle rocce pallide per il Sauvignon dalla buona struttura e dalla spiccata acidità; Elyònd, principessa della montagna dai capelli dorati, per le tipiche tonalità dorate del Gewürztraminer; Barbagòl, stregone che ammalia i sensi per il Lagrein autoctono dai tannini vellutati e dall’affinamento in rovere francese che ne esprime le caratteristiche migliori; Sass Roà, pietra rossa fulgente incastonata nella pallida roccia per il Cabernet Sauvignon, vino dalla forte personalità e potenza e dai riflessi granati.

Cantina Laimburg: www.laimburg.bz.it

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here