Il Torre Testa 2011 di Tenute Rubino conquista i Tre Bicchieri

0
13
Featured image

Un nuovo prestigioso riconoscimento per il Salento del vino di qualità. Il Torre Testa 2011 di Tenute Rubino, capolavoro enologico e vino di punta dell’azienda, ottenuto da uve Sussumaniello vinificate in purezza, conquista i Tre Bicchieri dell’edizione 2013 della Guida del Gambero Rosso. Il Torre Testa è l’emblema della filosofia produttiva di tenute Rubino, che coniuga tradizione e innovazione, il recupero di un’antica varietà autoctona come il Susumaniello, oggi quasi del tutto scomparsa dal patrimonio ampelografico pugliese, associata a tecniche innovative in vigneto che consentono di avere un prodotto di eccellenza.

Il Torre Testa è un vino che nasce nella tenuta agricola di Jaddico, a nord di Brindisi, in un ambiente caratterizzato dalla vicinanza al mare, che porta con sé salinità e continua ventilazione. In quest’area a ridosso dell’Adriatico, Tenute Rubino ha voluto far rinascere il Sussumaniello, un vitigno che, nella tradizione viticola di questo territorio, veniva impiantato insieme al Negroamaro per dare ai vini colore e un più alto equilibrio tra acidità e zuccheri. Il Sussumaniello deve il suo nome al fatto che, in età giovanile, la pianta è particolarmente produttiva, tanto da caricarsi come un asinello, fino poi a riequilibrarsi con lo sviluppo successivo.

- Advertisement -servizi web per cantine

Oggi il vino prodotto da uve Susumaniello è diventato un marchio di fabbrica dell’azienda salentina, un emblema di grande eccellenza qualitativa. Caratteristiche queste, che gli consentono di essere apprezzato da esperti e winelovers più esigenti, mossi dalla ricerca di vini dalla personalità inconfondibile, espressione d’autentica eccellenza dei territori di produzione.

“Questo nuovo riconoscimento per il Torre Testa, (che arriva dopo i tre bicchieri dello scorso anno ottenuti da un altro vino di punta di Tenute Rubino, il Visellio, N.d.R.) – afferma Luigi Rubino, titolare dell’azienda – conferma il valore del lavoro svolto per rilanciare questo nobile e dimenticato vitigno e premia l’investimento fatto sul Sussumaniello come varietà reliquia del Salento, che, oggi, trova in una coltivazione innovativa e nella selezione dei grappoli vendemmiati rigorosamente a mano, i suoi elementi distintivi. Crediamo nelle potenzialità di un territorio unico e straordinario e in una viticoltura che non si limita al solo recupero varietale ma impegna fortemente l’azienda con pratiche colturali rigorose per vini di grande complessità ma anche di grande armonia”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here