79° Fiera regionale dei Vini di Buttrio

0
26
Featured image

Folklore, degustazioni, laboratori, concerti, visite guidate, fattorie didattiche, e poi vini autoctoni, i veri protagonisti della festa, abbinati a menù tipici del Friuli. La Fiera regionale dei Vini di Buttrio (Ud) è questo e molto altro: in programma dal 2 al 5 giugno in Villa di Toppo-Florio e nel suo splendido parco secolare, la 79° edizione della kermesse propone un calendario di appuntamenti – tra cui lo spettacolare Palio delle Botti delle Città del Vino – che va ben oltre l’evento enogastronomico.

Antica per le sue radici e la sua storia, ma modernissima nell’offerta di qualità dei prodotti enogastronomici del territorio, la Fiera dei vini 2011 non tradisce le aspettative degli appassionati (ma anche delle migliaia di famiglie che affollano entusiaste ogni edizione la Villa di Toppo Florio), e si presenta quest’anno ancora più ricca di iniziative, tutte improntate sulla valorizzazione delle tipicità e unicità della regione. Organizzata dalla Pro Loco Buri e dal Comune di Buttrio, la più prestigiosa vetrina degli autoctoni del Friuli Venezia Giulia si svolgerà, come sempre, nell’incantevole cornice in Villa di Toppo-Florio e nel suo parco secolare. Al banco d’assaggio della manifestazione si gusteranno solo i vini selezionati dalle commissioni di esperti – gli assaggiatori dell’Assoenologi, Ais, Onav e Slow Food – che avranno ottenuto il punteggio prefissato; i migliori in assoluto del concorso saranno gli “autoctimi”.

Il laboratorio di degustazione di Buttrio è il più importante tavolo di confronto in regione, grazie al quale si può tastare il polso della vendemmia, anticipando le tendenze di mercato e dell’andamento del settore. Solo la Fiera di Buttrio, infatti, al contrario delle guide che lavorano a posteriori, ha la facoltà di ottenere un immediato ritratto della situazione attuale. I vini vincitori del concorso verranno comunicati e premiati il giorno stesso dell’inaugurazione della kermesse, venerdì 2 giugno.

Alla festa, abbinati ai vini in degustazione verranno proposti piatti tipici regionali, la cui riscoperta è affidata alla condotta di Udine di Slow Food attraverso “Laboratori del gusto” incentrati sulla trota, il prosciutto San Daniele, i formaggi di malga dell’associazione malghesi, gli oli. Novità di questa edizione il lancio del disciplinare della “Ribolla brut”, che verrà trattato da Slow Food in un convegno il 2 giugno, un tema di grande attualità visto il crescente ricorso alla spumantizzazione di questo vitigno autoctono. Accanto al concorso principale dedicato ai vini proseguirà l’ormai consolidato concorso dell’olio “El Bon Vueli” e relative degustazioni, con la partecipazione del Dipartimento Scienze degli Alimenti dell’Università di Udine, il tutto con il prezioso contributo di idee ed esperienze dell’Ersa Fvg.

Numerosi i partner che hanno voluto sostenere la manifestazione, tra le più seguite in Friuli Venezia Giulia, come la Camera di Commercio di Udine, Cassa di Risparmio del Fvg, Fondazione Crup, Amga, Vitis rauscedo, T85. La kermesse ha il patrocinio di Turismo Fvg, Ersa, Provincia di Udine, Associazione nazionale Città del Vino.

Tra gli appuntamenti ormai consolidati ritorna “Incontra l’autoctono”, con l’Assoenologi e l’Onav, mentre tra le new entry enogastronomiche della Fiera 2011 il coniglio locale e le grappe, con degustazioni a cura dell’Anag. Da non perdere il “Wine party” con Giovanni Negri, autore de “Il sangue di Montalcino”, introdotto dal presidente di Vinum Loci Paolo Benvenuti. In degustazione anche i formaggi di malga e i prodotti della filiera del suino, garantiti dal marchio Aqua Fvg.

Quest’anno ricorrono le celebrazioni per il 150° anniversario dell’Unità di Italia, e la Fiera dei Vini di Buttrio lo festeggia con un picnic tricolore nel Parco, il 2 giugno, con tanto di cestino e di plaid per accomodarsi sul prato (a cura di Slow Food e Coop consumatori Nordest). Le Città del Vino solennizzano in grande l’evento proponendo il “Taglio dell’unità”, una magnum celebrativa realizzata dall’enologo Roberto Cipresso “tagliata” appunto con più vini, ricavati dai vitigni autoctoni di tutte le regioni d’Italia. Le preziose bottiglie (solo 150 in tutto) saranno consegnate alla maggiore autorità del Paese; all’inaugurazione della rassegna anche il presidente della Regione Fvg Renzo Tondo verrà omaggiato di una delle magnum. L’Ais, nell’ambito dell’anniversario nazionale, organizza “150 volte Italia”, un banco d’assaggio con vini che giungono da tutte le regioni del Paese. Sempre dedicato al 150° anche il concerto proposto dal Folk Club Buttrio nell’ambito della rassegna “Musica per piccole e grandi patrie”, con il chitarrista Franco Morone.

Concerti e balli folkloristici in villa, spettacoli pirotecnici, presentazioni di libri, convegni, mostre d’arte e di pittura, merende e biologiche fattorie didattiche della Coldiretti (“Un passo d’asino”, “Un cane per amico”), animazioni e intrattenimenti per bambini (aquiloni tricolori, letture, giochi tradizionali), gare di briscola, stand degli ospiti austriaci e sloveni, tour guidati al parco con gli esperti archeo-botanici e, quest’anno per la prima volta, anche ai vigneti, e poi tanti altri eventi tematici faranno, come sempre, da ricchissimo corollario alla kermesse. Tra i numerosi appuntamenti il più atteso resta sicuramente il Palio delle Botti delle Città del Vino (sabato 4 giugno), giunta alla 16° edizione, imperdibile nella nuova versione in notturna.

Info: PRO LOCO BURI proloco@buri.it – www.buri.it, Via Cividale 21, Buttrio (Ud), Tel/Fax 0432 673511

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter settimanale e rimani aggiornato sulle novità del panorama vitivinicolo italiano. Prova, ti puoi cancellare quando vuoi!!!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here