Premiati Fede e Tinto della trasmissione Decanter

0
66
Featured image

È stato assegnato a “Fede e Tinto”, al secolo Federico Quaranta e Nicola Prudente, autori e conduttori del programma di enogastronomia “Decanter” (Rai Radio2 e Rai Uno), il Premio giornalistico Fedagri nato nel 2010 alla 44° edizione del Vinitaly. Conferito lo scorso anno al giornalista caporedattore de “Il Centro” Giustino Parisse, testimone diretto del sisma del 6 aprile 2009 in Abruzzo, il riconoscimento quest’anno è stato consegnato ai due speaker da Maurizio Gardini presidente di Fedagri-Confcooperative per il loro impegno professionale a difesa della cultura enograstronomica italiana e della nostra tradizione agricola.

Secondo le motivazioni della premiazione, moderata dal giornalista Guido Barlozzetti, “Fede e Tinto” hanno saputo inventare un linguaggio originale, ironico e popolare capace di coinvolgere il pubblico più vasto, in particolare quello dei giovani, nella cultura dell’enogastronomia. Da anni, alla radio come in televisione, il loro sapiente gioco di coppia tiene insieme il rigore dell’informazione e il piacere dell’intrattenimento, contribuendo alla diffusione di un gusto rispettoso della qualità e della ricchezza del patrimonio del cibo e del vino italiano. Il titolo del programma che più li identifica, “Decanter”, citando uno strumento fondamentale della degustazione del vino, conferma il loro impegno volto in particolare alla scoperta e alla condivisione del mondo dell’enologia, dei percorsi e delle esperienze che devono caratterizzare un consumatore consapevole, maturo, capace di cogliere differenze e sfumature e di ricondurle al piacere della conoscenza di un territorio.

- Advertisement -servizi web per cantine

“Da sempre convinta della forza e dell’importanza della comunicazione – ha dichiarato Gardini – Fedagri-Confcooperative ritiene un dovere sottolineare e premiare chi, come Federico Quaranta e Nicola Prudente, nella comunicazione presta attenzione e sensibilità ai temi veri dell’agricoltura e dell’economia della filiera agroalimentare”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here