Consorzio Volontario per la Tutela del Vino Marsala: Giuseppe Ingargiola nuovo presidente

0

E’ Giuseppe Ingargiola il nuovo presidente del Consorzio Volontario per la Tutela del Vino Marsala, eletto all’unanimità dai membri del Consiglio di Amministrazione nella seduta del 18 novembre scorso. Indicata dalla proprietà della Duca di Salaparuta S.p.a. (Cantine Florio), la candidatura del nuovo presidente è stata felicemente accolta da tutti i consorziati e si contestualizza in un momento di particolare importanza per l’attività di tutela e promozione del Marsala, in quanto coincide con la ripresa di una intensa stagione di promozione (presso ristoranti, enoteche, centri commerciali) che il Consorzio sta portando avanti in tutta Italia, avvalendosi della collaborazione di altri consorzi che tutelano eccellenze agro-alimentari.

Note biografiche
Giuseppe Ingargiola, nato a Mazara del Vallo nel 1939, si trasferisce a Marsala appena ventenne. Ragioniere e perito commerciale, come esperto giuslavorista dal 1969 inizia a prestare la sua professionalità nel mondo enologico delle storiche Cantine Florio, ora accorpate nella S.p.A. “Duca di Salaparuta” (ne dirige attualmente l’area delle Risorse Umane). Da molti anni fa parte del Comitato Esecutivo Sindacale della Federvini di Roma, occupandosi di problematiche contrattuali e sindacali in rappresentanza delle aziende associate. Per l’impegno profuso nel mondo del lavoro, il Presidente della Repubblica, Oscar Luigi Scalfaro, lo ha insignito nel 1997 della Stella al Merito del Lavoro

Dichiarazioni
Il neoeletto presidente Ingargiola così esordisce: “Nell’accettare l’incarico, mi dichiaro onorato e orgoglioso del prestigioso incarico: ne sento la particolare responsabilità, consapevole che il Consorzio rappresenta un patrimonio produttivo e culturale – il Marsala – conosciuto in ogni parte del mondo”.

Sottolinea: “Il Consorzio svolge compiti di grande importanza: intanto quello di armonizzare le esigenze e gli interessi di tutti i consorziati, ma anche – nell’interesse di tutto il territorio tipico di produzione – di favorire lo sviluppo della D.O.C., assicurando il rispetto delle regole previste dal Disciplinare. Per quanto mi riguarda, con il sostegno e la condivisione di tutti, cercherò di mettere in campo iniziative e strategie innovative di marketing “collettivo”, allo scopo di promuovere – in maniera ancora più capillare ed incisiva – la conoscenza e la presenza nei mercati del vino Marsala a Denominazione d’Origine Controllata.”


Conclude: “Si tratta di un percorso difficile ed ambizioso, ma sono certo che con l’impegno di tutti, il Marsala può riposizionarsi gradualmente nella leadership di un tempo, rimanendo comunque – ancora oggi – un prodotto conosciuto in ogni angolo del mondo”.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.
close-link