XXIII concorso Vini Abbazia di Monteveglio

0

Sulla scia della trascorsa edizione delle Veglie di Bacco in occasione delle quali è stato trattato il Vino e l’Azzardo, con quest’anno si è voluto mantenere il tema del gioco poiché se è vero che “la vita è sogno” è altrettanto vero che “chi gioca resta sempre bambino” e questo è uno dei tanti modi per mantenersi vivi, per sognare un’eterna giovinezza, come ben conoscevano gli uomini del medioevo. Per far questo ci si è riferiti ad un celebre mito di Dioniso (il Bacco greco), quando venne attirato dai Titani grazie ad alcuni oggetti giocosi a cui il fanciullo non poteva certamente rinunciare: una palla, una trottola, un rombo e quel gioco degli aliossi che divenne famoso per una sua variante d’uso di carattere divinatorio. Se a Bacco sono dedicati gli eventi della festa medievale il motivo è da ricercarsi nel prestigioso Concorso Vini Abbazia di Monteveglio che quest’anno festeggia la sua XXIII Edizione. Un traguardo notevole se ci si confronta con i numerosi concorsi sul tema che si svolgono annualmente in Italia. Il vino dei Colli Bolognesi, d’altronde, ben si merita una tale dedizione che vede l’impegno congiunto dell’Amministrazione Comunale di Monteveglio e del Consorzio Vini dei Colli Bolognesi.

LA FESTA



LE VEGLIE DI BACCO


Quando il Dio si diverte




La Festa avrà luogo sabato 30 e domenica 31 maggio presso il Borgo dell’Abbazia, dalle ore 20 alle 24. In particolare, sabato avrà luogo uno spettacolo sul mito di Dioniso dal titolo Dionisiaca, diretto da Andrea Vitali con la partecipazione della Compagnia dei Folli, specializzata in rappresentazioni medievali.


Accanto ad esecuzioni musicali eseguite dall’Ensemble Errabundi Musici incentrate su Bacco e sugli effetti che il vino suscitava, saranno allestiti diversi giochi medievali, fra i quali quello degli aliossi, connotato da valenze di carattere divinatorio, che coinvolgeranno i presenti in gare singole e a coppie.


La maggior parte degli spettacoli saranno replicati domenica pomeriggio, sempre presso il Borgo dell’Abbazia, ad iniziare dalle ore 16.


La direzione artistica della manifestazione è stata affidata ad Andrea Vitali, noto medievista e presidente dell’Associazione Culturale “Le Tarot”, organismo di studi storico-simbolici, curatrice dell’aspetto scientifico dell’evento.




XXIII CONCORSO VINI


ABBAZIA DI MONTEVEGLIO



Il Concorso Vini Abbazia di Monteveglio, considerato uno degli appuntamenti enologici più prestigiosi della Regione, intende favorire la conoscenza e l’apprezzamento dei migliori vini della zona di produzione (Colli Bolognesi), oltre a stimolare le case vinicole per una continua crescita migliorativa del prodotto. Attraverso questa manifestazione, si vuole orientare il consumatore nella scelta dei vini dando suggerimenti circa il loro migliore accostamento alla gastronomia del nostro territorio e di quello nazionale.


Partecipanti



30 Case Enologiche ubicate nei territori dei seguenti Comuni rientranti nel disciplinare di produzione Vini Doc Colli Bolognesi: Monteveglio, Castello di Serravalle, Monte San Pietro, Sasso Marconi, Savigno, Marzabotto, Pianoro. Per una parte del territorio i Comuni di San Lazzaro di Savena, Monterenzio, Bologna, Casalecchio di Reno, Zola Pedrosa, Crespellano, Bazzano, Savignano sul Panaro (Modena)


Tipologia dei vini in concorso



I vini ammessi al Concorso appartengono alla migliore tipologia dei Vini Doc dei Colli Bolognesi: Pignoletto, Chardonnay, Vini Bianchi d’annata e di annate precedenti (Pinot Bianco, Riesling Italico, Bianco), Barbera, Merlot, Sauvignon, Cabernet Sauvignon.


La valutazione dei Vini



Un’apposita commissione, formata da tecnici ed esperti del settore, valuterà i vini decretandone il vincitore per ogni tipologia oltre ad assegnare, sempre per categorie, menzioni particolari.


GLI APPUNTAMENTI


DEL XXII CONCORSO VINI


Domenica 31 maggio – Piazza della Libertà – Ore 22



Cerimonia di presentazione al pubblico dei Vincitori il “XXIII Concorso Vini Abbazia di Monteveglio”


La manifestazione, condotta da Fabrizio Binacchi, Direttore della Sede Regionale Rai, sarà accompagnata da interventi musicali e di spettacolo. Al termine della premiazione si esibirà il noto cantautore Andrea Mingardi.


La premiazione seguirà alla cena allestita per giornalisti del settore eno-gastronomico e i titolari delle Aziende Vinicole partecipanti al Concorso. La tematica della Cena verterà su “Il Vino e i nuovi fidanzamenti” cioè “Dalla tradizione ai nuovi gusti nel rispetto del territorio”. Per questo motivo diversi chef locali prepareranno fin dal pomeriggio e alla vista del pubblico i piatti che verranno serviti in tale occasione. Come madrina dell’evento è stata invitata Elisa Isoardi, conduttrice della nota trasmissione televisiva “La prova del cuoco”.




Lunedì, 1 giugno – Sala Polivalente – Ore 19


Convegno su “ Il Vino e i nuovi fidanzamenti” e Cerimonia di Consegna dei “Premi alla Carriera”


Il Convegno, aperto a tutti, vedrà la partecipazione di giornalisti del settore, conduttori di programmi televisivi dedicati al settore agricolo ed enologico, autorità e titolari di aziende vinicole.


I Premi alla Carriera “Abbazia di Monteveglio” verranno assegnati a personalità distintesi in particolar modo nei settori “Stampa – Radio – Televisione”.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.
close-link