Novello Latino, protagonista del Novembre romano

0

E’ uno degli appuntamenti più attesi dal pubblico di enoappassionati romani. Da anni il mese di novembre, nella Capitale, vede protagonista il vino Novello, in particolare quello del Lazio. E il 2008 si annuncia ricco di eventi di grande suggestione, voluti e organizzati dall’Istituto Vino Novello del Lazio con l’attiva collaborazione dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione e dall’Arsial. “Il Novello ha una forte componente popolare – sottolinea Daniela Valentini, Assessore all’Agricoltura – nel senso più positivo del termine. Proprio per questo abbiamo pensato di organizzare delle degustazioni pubbliche in due delle strade più belle e importanti di Roma. Stiamo parlando di Via Frattina e di Via Nazionale, dove gli appassionati capitolini potranno degustare le etichette delle 29 Cantine che fanno parte dell’Istituto del Novello del Lazio. Ci aspettiamo una grande risposta soprattutto da parte dei giovani per i quali, spesso, il Novello rappresenta il “biglietto d’ingresso” nel mondo del buon bere”.

Gli appuntamenti sono quindi a Via Frattina, dove sabato 15 novembre, di fronte all’Enoteca Regionale Palatium, sarà allestito un banco d’assaggio che permetterà un viaggio attraverso i profumi e i sapori dei migliori Novelli regionali. Per tutto il weekend del 15 e del 16, invece, Via Nazionale si trasformerà in una grandissima sala di degustazione, con 8 gazebo collocati nei punti nevralgici della strada e gestiti dall’Associazione Commercianti di Via Nazionale sempre in collaborazione con l’Assessorato all’Agricoltura, l’Arsial e l’Istituto del Novello del Lazio. Tra l’altro il Novello può anche essere considerato una sorta di anteprima dell’ultima vendemmia che, nel caso del 2008, si presenta di assoluto interesse.


“L’annata si preannuncia ottima per la nostra regione – conferma Massimo Pallottini, Commissario Straordinario Arsial – e ottimi sono anche i vini novelli dell’Istituto ‘Novello Latino’, realizzati obbligatoriamente con almeno il 60% di vino a macerazione carbonica, contro il 30% previsto dalla legislazione nazionale. Tanta qualità, quindi, ma anche un’attenzione particolare al prezzo medio che rimane stabile sui 4,30 euro alla bottiglia, 40 centesimi in meno del prezzo medio nazionale che si aggira sui 4,70 euro. Un valore aggiunto importante offerto dai novelli del Lazio a tutti gli appassionati che aspettano l’autunno per pasteggiare con questo particolare vino, fresco e profumato, particolarmente adatto ai piatti di stagione”


Controllo della filiera produttiva e dei prezzi: sono tra i cavalli di battaglia dell’Istituto. “Siamo una delle pochissime regioni che può vantare un Istituto preposto al Novello – ci conferma Enzo Nesta, Presidente dell’Istituto Vino Novello del Lazio – e questo rappresenta una garanzia per il consumatore che sa di poter contare su un organo che vigila sulla qualità dei Novelli che finiscono sugli scaffali. E il pubblico sembra aver capito questo valore aggiunto offerto dal Novello latino. Non credo sia un caso il fatto che il Lazio “autoconsuma” l’82% del Novello prodotto nella regione e che diversi produttori del Lazio vendano il 100% del loro Novello entro i confini regionali”.


Un “autoconsumo” che trova un interessante sbocco anche presso la ristorazione. Proprio per questo 50 ristoranti di Roma e provincia proporranno, sabato 22 dicembre, le bottiglie del Novello Latino sui loro tavoli. Per chiudere in bellezza un novembre a tutto Novello.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.
close-link