“Insubria Terra d’Europa” presenta Vino@Insubria

0

Mancano ormai poco alla partenza della seconda edizione del festival “Insubria Terra d’Europa” – ideato ed organizzato dall’Associazione Culturale Terra Insubre – che dal 28 maggio al 1 giugno prossimi renderà Varese capitale culturale dell’Insubria. Insieme a storia, arte, musica, economia e ambiente, anche la tradizione enologica insubre avrà un ruolo da protagonista all’interno della kermesse: con l’iniziativa Vino@Insubria, in programma sabato 31 maggio, sarà infatti possibile degustare vini di oltre 40 produttori ed approfondire, grazie all’intervento di illustri studiosi, la conoscenza della realtà enologica locale.

“Una realtà – afferma Enrico Baroffio, Presidente dell’Associazione Culturale Terra Insubre – senza alcun dubbio ricca di piacevoli sorprese. Una realtà che, opportunamente valorizzata all’interno del Festival, con la previsione di un’intera giornata dedicata al vino, contribuisce ad affermare l’identità dell’Insubria, obiettivo primo dell’intera manifestazione”. Dai Merlot del Ticino ai Nebbioli da invecchiamento, dai rossi delle Colline Novaresi ai bianchi, l’Insubria enologica è tutta da scoprire e saprà stupire anche i palati più esigenti.

L’appuntamento è a Varese, sabato 31 maggio: a partire dalle 15.00 sarà accessibile al pubblico l’area espositiva allestita nella splendida cornice dei Giardini Estensi presso il Palazzo Municipale (Via Sacco), dedicata ai vini prodotti nella regione insubrica. All’interno dell’area verrà allestita una piccola enoteca, gestita dall’Associazione Italiana Sommeliers, dove sarà possibile degustare una selezione dei vini dei produttori presenti alla manifestazione.

Alle degustazioni si alterneranno gli interventi di autorevoli studiosi che racconteranno le origini del vino in Insubria, sin dal tempo dei Celti: Filippo Maria Gambari, della Soprintendenza Archeologica del Piemonte, parlerà delle antiche origini dei vini rossi nell’area transpadana occidentale, mentre Michele Vigasio, agronomo della Vignaioli Piemontesi, intratterrà il pubblico sulla storia del “Prunent”, il nebbiolo ossolano.

L’iniziativa, presentata dall’Assessore al Marketing territoriale del Comune di Milano Massimiliano Orsatti, è aperta a tutti gli “enoappassionati” che, muniti di calice per la degustazione, si lasceranno raccontare l’Insubria attraverso i suoi vini.

Per ulteriori informazioni http://www.insubriaterradeuropa.net/

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.
close-link