Angelo D’Uva apre le porte della sua nuova cantina: 24-25 maggio

0

Il 24 e 25 maggio prossimi, con Cantine Aperte, il vino, la sua gente, i suoi territori, diventano protagonisti incontrastati. Le cantine che fanno parte del Movimento Turismo del Vino, oltre 800 in tutta Italia, aprono le loro porte ai visitatori permettendo un contatto diretto che, dal vino, passa attraverso i luoghi, le tipicità, le tecniche di produzione. Quest’anno, Cantine Aperte, per Angelo D’Uva Vignaiuolo in Larino è in concomitanza con l’apertura della nuova bottaia: il nuovo locale, creato conseguentemente all’incremento della produzione, va ad aggiungersi alla bottaia già esistente ed è stato pensato in modo da consentire anche la realizzazione, in un’apposita intercapedine, di un archivio (circa 200-300 bottiglie per ogni produzione) di tutta la cantina, in modo da poterne conservare campioni e anche per effettuare osservazioni sullo stato di conservazione delle varie annate, anche dei vini non pensati per l’invecchiamento.

I visitatori di Cantine Aperte avranno così modo di visitare l’azienda, che si trova a Larino, tra le colline che scendono dolcemente verso il mare, dove Angelo D’Uva, raccogliendo l’eredità di famiglia ha dato vita ad un’azienda vitivinicola caratterizzata da un forte impegno e dalla passione per la terra e i suoi prodotti, per realizzare prodotti di qualità che fondano insieme la tradizione contadina alle più avanzate tecniche di lavorazione. Una felice intuizione che le ha permesso di cogliere e talvolta anticipare le tendenze del bere contemporaneo, collocandosi tra le cantine emergenti italiane. Durante questo week-end, i visitatori potranno inoltre degustare le etichette della cantina, vini D.O.C. e I.G.T. di qualità superiore, con nomi altamente evocativi: Ricupo, Keres, Gavio, Console Vibio, Kantharos e Tintilia, tutti profondamente legati al territorio d’origine e scelti per segnalare un legame privilegiato con la storia, il territorio e le tradizioni del Molise.

Tra di essi vanno ricordati soprattutto la Tintilia, fiore all’occhiello di questa casa vitivinicola: un vitigno autoctono riscoperto e valorizzato dalla famiglia D’Uva, che dà origine a un rosso caldo, intenso, potentemente fruttato, con tannini morbidi ma consistenti e un’acidità sostenuta, poiché il vitigno è coltivato a quote elevate, che si accompagna idealmente a primi piatti ricchi e a carni rosse. Ma anche il Kantharos: un bianco DOC ottenuto dai migliori grappoli di Trebbiano alle quali viene aggiunto un “pizzico” di Malvasia. Il risultato si presenta alla vista di un colore giallo paglierino brillante con riflessi dorati e rivela all’olfatto un bouquet di frutta esotica, in particolare ananas e mango. In bocca è piacevole e caldo, con un’acidità ben equilibrata che dona al vino freschezza e una buona persistenza finale. È l’abbinamento ideale di ricotta o formaggi freschi ed esalta il sapore delicato di primi piatti che comportano l’uso di carne bianca e/o latticini.

Per informazioni:
Azienda Agricola D’Uva
C.da Ricupo, 13
86035 Larino (CB)
Tel. 0874/822320
Fax 0874/833377
www.cantineduva.com
info@cantineduva.com

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.
close-link