Restyling d’immagine per le etichette di Angelo D’Uva.

0

Angelo D’Uva Vignaiuolo in Larino propone una nuova immagine per le sue etichette: scelte di lettering inusuali, di decisi contrasti cromatici o di forme geometriche particolari collaborano a rendere il prodotto decisamente riconoscibile. Una scelta che punta sul lato estetico ed emozionale dell’atto d’acquisto, portando a scegliere il vino così come si sceglie un vestito. Un restyling che, mantenendo l’esperienza e il know-how acquisito, guarda al futuro di questa azienda molisana che si sta facendo conoscere sempre più al grande pubblico. Angelo D’Uva Vignaiuolo in Larino propone un restyling d’immagine per le sue etichette, che accompagna e sostiene il cambiamento di marchio. Linee pulite, colori piacevolmente contrastanti, lettering accattivanti. Una ventata di freschezza senza dimenticare l’attenzione alla produzione di vini di qualità superiore, valorizzando come sempre il legame con il territorio, le specificità vitivinicole e le tradizioni storico-artistiche. Una scelta che è stata compiuta per incrementare la riconoscibilità del prodotto sullo scaffale.

Per la Tintilia, il rosso autoctono molisano dal sentore piacevolmente fruttato, è stato mantenuto lo sfondo bianco con le classiche “macchie” violacee, mentre un riquadro blu mette in evidenza marchio e nome del vino. Un discorso differente è stato fatto per Kantharos, un Trebbiano del Molise, il cui nome deriva da uno dei mosaici ritrovati nelle domus romane della città di Larino che raffigura un’anfora vinaria, detta in greco kantharos. In questo caso è stata scelta un’etichetta che predilige un mood più dinamico ed elegante, grazie all’impiego dell’argento a caldo su fondo bianco. Del tutto nuove sono, invece, le etichette per i due Prosit, i due nuovi vini presentati recentemente da D’Uva. Si tratta di due vini giovani, freschi e pensati per un pubblico che cerca un consumo consapevole ma meno impegnativo e che inserisce il vino in momenti segnati dalla festa e dalla convivialità: Prosit Bianco è un Trebbiano Toscano, mentre Prosit Rosso è un Montepulciano. L’etichetta in questo caso presenta una forma esagonale, di un viola acceso per Prosit Rosso e di un gradevole giallo paglierino per Prosit Bianco.

Il denominatore comune che caratterizza le etichette di questa cantina molisana è quello che contraddistingue anche il nuovo marchio: è moderno, stilizzato e asciutto, dal sapore vagamente minimal, senza perdere un’impronta tradizionale. Le etichette diventano così l’espressione di un vero e proprio modo di intendere il vino: non più soltanto una scelta di gusto ma anzitutto una scelta di stile. E lo stile che denota Angelo D’Uva Vignaiuolo in Larino è un giusto mix di tradizione e modernità, di operosità e intuizione, che gli ha permesso di farsi conoscere sempre più al grande pubblico. La sede dell’azienda sorge a Larino, città d’arte romana e medievale, gioiello e simbolo della regione Molise, nel cuore dell’antica Frentania, alla confluenza di bracci minori di antichi tratturi, su dolci declivi che guardano verso il mare.

Qui a Larino arriva, neglianni ’40, il nonno di Angelo D’Uva, trasferitosi da Santa Croce del Sannio come mezzadro. Da allora la vocazione vitivinicola viene tramandata di padre in figlio, sino all’attuale terza generazione, mantenendo intatte alcune caratteristiche fondamentali che ne contraddistinguono ancora oggi le modalità lavorative: l’impegno e la passione per la terra e i suoi prodotti. Coniugando l’esperienza contadina e le moderne conoscenze e tecnologie enologiche, Angelo D’Uva sta accrescendo il valore e la qualità della produzione aziendale, reimpiantando i vigneti con sistemi di allevamento atti a selezionare e affinare la qualità delle uve. Proprio questa operosità, legata al territorio e alla tradizione ma con un’attenzione speciale alla capacità di interpretare le tendenze di mercato, incontrando i gusti dei moderni consumatori, è stata la spinta che ha portato a questa operazione di restyling d’immagine. Una scelta importante che punta a collocare l’azienda molisana tra le emergenti italiane.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.
close-link