Le novità di Cavit presentate al Vinitaly: i nuovi Müller Frizzante e Spumante SanVigilio e il rinn

0

Saranno le novità che Cavit presenterà ufficialmente in occasione del Vinitaly. Si tratta di due nuovi vini, un nuovo formato per il Moscato Giallo San Vigilio Liquoroso e un progetto di restyling che ha interessato una delle linee di punta di Cavit: “Mastri Vernacoli”. La linea Mastri Vernacoli si arricchisce oggi di un nuovo vino. Si tratta di Muller Thurgau Frizzante IGT Vigneti delle Dolomiti. Nato con l’obiettivo di aumentarne la competitività sul mercato, attraverso una maggiore personalizzazione dell’offerta e un marchio forte e credibile, che ne sostenesse il valore e la qualità intrinseca, il Muller Frizzante si presenta con una nuova tipologia di bottiglia di vetro molto particolare e un’etichetta innovativa, elegante e che evidenzia il vitigno tipico trentino. Tra le bollicine Cavit presenta un nuovo metodo Charmat: il Sanvigilio Dolce. Si tratta di uno spumante con uvaggio misto di Moscato giallo, Müller Thurgau e Traminer aromatico. Proveniente dalle migliori aree per la produzione di uve aromatiche – Valle di Cembra, i colli di Trento, Beseno e Mori – è caratterizzato da note tipicamente aromatiche del Moscato giallo affiancate da sentori floreali e speziati del Traminer aromatico, con la freschezza del Müller Thurgau che ne attenua la prevalente sensazione di dolce, con un gradevole ed armonioso equilibrio di sensazioni.

Nuovo formato per il Trentino DOC Moscato Giallo S. Vigilio Liquoroso che si presenta con una bottiglia da 0,50 lt – per poter meglio soddisfare la modalità di consumo tipica di prodotti così particolari e ideali per il fine pasto. Dal profumo intenso, delicato, spiccatamente aromatico con sapore dolce, ampio, caldo e suadente, di grande stoffa, Moscato Giallo S. Vigilio Liquoroso fa parte della categoria dei vini da dessert o da meditazione, prodotto dai vigneti della Vallagarina (Besenello e Mori). La sua nuova immagine originale e memorabile con l’etichetta dalla forma ogivale, conferisce al prodotto preziosità e qualità. Forte rimane il legame alla realtà trentina, anche attraverso la citazione della cattedrale di San Vigilio, patrono di Trento, inserita nello stemma presente nella parte superiore dell’etichetta. “Mastri Vernacoli” è un nome che vuole rappresentare tutta la saggezza popolare dei vecchi vernacolieri di villaggio che, come “fonte di sapere popolare”, tramandavano la cultura di generazione in generazione. E’ questo il nome che Cavit da tempo ha scelto per la propria gamma di prodotti che comprende la ricchezza enologica del Trentino, territorio dove la natura esprime la migliore qualità, dai vini rossi come Teroldego e Marzemino, ai bianchi rigorosamente Trentino DOC fino ai delicati moscati.

Oggi questa gamma si rinnova interamente nell’immagine con lo studio curato dall’agenzia Robilant Associati. Il progetto ha voluto dare la giusta valorizzazione ai vini della linea che rappresentano la qualità trentina. Con questo restyling è il Trentino che si propone in una veste nuova per trasferire e rappresentare il meglio del territorioCavit è nata nel 1950 come consorzio di cantine con l’obiettivo di creare e di diffondere la “cultura” del vino in tutta la regione, assistere le associate e contribuire alla “formazione” dei viticoltori trentini. Oggi conta 75 milioni di bottiglie l’anno (nei diversi formati), 11 cantine associate con un totale di 4.500 viticoltori, rappresenta il 65% della produzione trentina con oltre 5.700 ettari di coltivazione. Presente ai concorsi enologici internazionali più rinomati e prestigiosi, Cavit ha ottenuto, dal 2000 ad oggi, più di 300 tra premi e riconoscimenti.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.
close-link