Medaglia d’oro al Bosco Caldaia 2007 dell’Antica Masseria Venditti

0

Si è svolta in serata del 21 maggio la premiazione dell’8° Concorso Enologico di Vitignoitalia 2012. Il concorso enologico ha visto la partecipazione di oltre trecento vini, esaminati da un panel test composto da esperti degustatori del Centro Tecnico della Scuola Europea Sommelier, con giornalisti di settore, coordinati dal Presidente nazionale della Scuola Europea Sommelier, Francesco Continisio. Nelle varie categorie sono stati premiati con medaglia d’argento i vini che hanno superato il punteggio minimo previsto di 84/100, mentre sono state assegnate ai vincitori di ogni categoria le medaglie d’oro. Nella categoria “rossi” insigniti della Medaglia d’oro il Bosco Caldaia 2007 dell’Antica Masseria Venditti, insieme al Montepulciano d’Abruzzo Villa Gemma 2005 di Masciarelli.

Appena prima di questa premiazione, la consegna di “Menzioni di Merito” per il Concorso Biodivino in Campania, riservato ai vini biologici, dove sempre il Bosco Caldaia 2007 ed il Vàndari Falanghina 2010 di Venditti hanno ricevuto altrettante menzioni.

“Una serata indimenticabile – racconta Nicola Venditti, titolare ed enologo dell’azienda – questa a Castel dell’Ovo, dove in meno di due ore ho ricevuto tre riconoscimenti molto importanti. Una palese dimostrazione che vini di qualità riconosciuta si possono fare anche senza correre dietro a vitigni internazionali con “ricette standard”. La premiazione con una medaglia d’oro di un vino ottenuto da tre uve impiantate insieme nella vigna e non da monovitigno, senza maturazione in barrique e per giunta biologico, è segno che qualcosa sta cambiando. Evviva!”

Il Bosco Caldaia 2007 di Venditti è un vino doc prodotto a Castelvenere (BN). Il nome deriva dal bosco dove si tagliava la legna per la caldaia, territorio disboscato a mano all’inizio del secolo scorso. Prodotte in 3998 bottiglie per l’annata 2007, riporta in etichetta tutti i dati catastali della vigna, insieme all’altitudine, ai tre vitigni che lo compongono, all’esposizione, all’anno di impianto della vigna, alla mappa catastale ed alla certificazione biologica. Etichettato poi magnificamente con la riproduzione di un quadro autentico di Lorenza, moglie di Nicola.

Si presenta di colore rosso rubino tendente al granato. I profumi intensi, persistenti e fini sono fruttati, speziati, eterei. Si ravvisano frutti di bosco, viola, tabacco. Al gusto è secco caldo giustamente tannico ed armonico. Si abbina a piatti strutturati, arrosti, salumi e formaggi stagionati. Va servito tra 16 e 18 gradi.

Condividi

Lascia un commento

Current day month ye@r *