Fedagri: Previsioni vendemmia 2010, +3/5%

0

“Accogliamo con soddisfazione la decisione – assunta ieri in seno alla riunione della Filiera Vino e Regioni convocata dall’ICQ e che sarà a breve adottata dal Mipaaf – di prorogare al 2011 l’applicazione del Decreto relativo ai controlli dei vini I.G.T. da parte degli Enti Terzi: ciò comporterà per le nostre cantine cooperative un notevole risparmio, dal momento che anche per la prossima campagna vitivinicola l’incarico dei controlli sarà affidato al Servizio I.C.Q.- Ispettorato Frodi”. Lo ha comunicato il Presidente del settore vitivinicolo di Fedagri-Confcooperative Adriano Orsi nel corso del Comitato di settore svoltosi oggi a Palazzo della Cooperazione.

Nel corso dell’incontro è stato fatto anche il punto sulle previsioni della vendemmia 2010, per la quale Fedagri stima un leggero incremento rispetto al 2010, quantificabile intorno ad un +3/5%, con lievi differenze tra le varie regioni. La qualità risulta buona pressoché dovunque, a causa della presenza del sole e delle favorevoli condizioni climatiche di queste settimane.


Quanto alla situazione complessiva del comparto vitivinicolo, “persistono evidenti criticità – ha detto il presidente Orsi – ma le prospettive non sono così nere come apparivano nei mesi scorsi. In base alle valutazioni emerse nel dibattito alla presenza dei rappresentanti territoriali, è emerso che le regioni che presentano al momento maggiori difficoltà sono il Piemonte (che ha richiesto la distillazione di Crisi), la Toscana e in generale quelle regioni che hanno prodotti più pregiati, in quanto risentono in misura maggiore della crisi dei consumi e della riduzione della capacità di spesa, a fronte di costi di produzione molto alti”.


Il Comitato di settore ha fatto anche il punto sulla vendemmia verde: “i dati dimostrano – spiega Orsi – che la regione Sicilia ha fatto la parte del leone, impegnando oltre l’80% di tutta la spesa nazionale. Fedagri si è da sempre dichiarata contraria a tale misura, poiché essa comporta difficoltà e problemi di natura ambientale, dal momento che il taglio dei grappoli ancora verdi causa a lungo andare l’acidificazione del terreno. Inoltre gli agricoltori che praticano la vendemmia verde non trattano le piante e ciò genera inevitabilmente problemi in ordine alla situazione sanitaria della vite, come è confermato anche dalle notizie tutt’altro che positive provenienti dalla Slovenia, dove la vendemmia verde è stata praticata lo scorso anno”.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.