Fedagri: Sì al tavolo di filiera per prezzo uve

0

Il calo dei consumi di vino nel nostro Paese e la crisi in cui versa il mondo produttivo incidono negativamente anche sul prezzo al ribasso delle uve. Fedagri-Confcooperative condivide quindi la necessità di convocare al più presto un tavolo di filiera presso il MiPAAF per concertare, con le istituzioni e i rappresentanti della filiera, le misure più adatte al sostegno del settore. “In un momento di crisi per il settore vitivinicolo – spiega il presidente di Fedagri Paolo Bruni – rivendichiamo il ruolo sociale ancor prima che economico della cooperazione da sempre in grado di dare un contributo determinante per sostenere e preservare la redditività non solo dei propri soci, ma di tutto il comparto. Le cantine cooperative remunerano infatti mediamente i soci produttori con un 10-15% in più rispetto al prezzo di mercato”. Oltre il 60% delle uve prodotte in Italia finisce nelle cooperative e vengono liquidate ai soci dopo una gestione annuale dell’intera filiera (dalle uve alla vinificazione fino alla commercializzazione del vino, in Italia e nel mondo).

“Proprio dai mercati internazionali ed in particolare da Germania, Canada, Cina e Stati Uniti – conclude Bruni – le nostre cantine iniziano a registrare i primi segnali di ripresa della domanda; se a questo aggiungiamo una vendemmia che potrebbe addirittura risultare di poco inferiore ai volumi dello scorso anno e se i miglioramenti qualitativi rispetteranno le attese, sarà questo un motivo in più per non diffondere ulteriori allarmismi, quanto piuttosto per impegnarsi tutti nel gestire questa fase di criticità che potrebbe risolversi già a partire dalla prossima primavera”. Il settore vitivinicolo di Fedagri Confcooperative rappresenta 423 cooperative e 148.000 soci viticoltori, per circa 20 milioni di ettolitri di vino mediamente prodotti ogni anno ed un valore della produzione aggregata di 2.550 milioni di euro. È di oggi la notizia dell’inserimento della cantina trentina Mezzacorona tra le prime cinque cantine europee dalla prestigiosa rivista americana Wine Enthusiast magazine.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.