Completamente ridisegnata l’alleanza tra Gruppo La Vis e Gruppo Rinaldi

0

Viene completamente ridisegnata l’alleanza strategica tra il Gruppo La Vis di Lavis (TN) e il Gruppo Rinaldi di Bologna, due storici protagonisti del mondo dei vini e degli spumanti italiani. Dopo 7 anni dallo storico acquisto, e dopo aver rilanciato con forza sul mercato italiano e all’estero il blasonato marchio Cesarini Sforza, l’azienda spumantistica trentina entra a pieno titolo nel Gruppo guidato dalla cooperativa lavisana.

Sono oltre 1,5 milioni le bottiglie commercializzate nel 2007 dall’azienda trentina, in special modo di Metodo Classico Trento D.O.C., che sottolineano l’impegno profuso in investimenti tecnologici, umani e commerciali dalla proprietà Rinaldi –  La Vis, che in pochi anni ha messo a segno un incremento in termini di volumi superiore al 60%.

I due Gruppi si focalizzano da oggi sulle loro storiche mission: La Vis sceglie di continuare ad occuparsi della produzione, e attraverso Ethica sceglie di distribuire il prodotto sui mercati esteri. Questo diventa possibile acquistando il 50% della Cesarini Sforza Spumanti di proprietà Rinaldi e diventandone così titolare al 100%.

Dal canto suo, Rinaldi sceglie di concentrarsi sulla distribuzione, acquistando da La Vis il 50% di Rinaldi Wine e firmando contestualmente un contratto che la lega in modo indissolubile alla distribuzione in esclusiva degli Spumanti Cesarini Sforza in Italia.

Alla sottoscrizione della nuova alleanza, Roberto Giacomoni, Presidente del Gruppo La Vis, ha dichiarato: “Le nuove evoluzioni dei mercati impongono nuove soluzioni e maggiori capacità di intervenire con rapidità ed efficacia. Nei rispettivi ambiti, produttivo e distributivo, La Vis e Rinaldi rappresentano realtà di riferimento, e questo nuovo accordo non potrà che facilitare per Cesarini Sforza l’obiettivo di una crescita ulteriore”.

Giuseppe Tamburi, Presidente del Gruppo Rinaldi, ha commentato: “Con il ritorno dei due Gruppi alle rispettive competenze di base, l’alleanza La Vis – Rinaldi si rinsalda, con l’obiettivo dichiarato di vincere le sfide di mercato dei prossimi anni”.

La Casa spumantistica trentina ha di recente presentato la propria punta di diamante, l’Aquila Reale Riserva 2001, prodotto di eccellenza destinato a consolidare il ruolo della spumantistica trentina – in particolare il Metodo Classico, con il rinnovato marchio TRENTODOC – ai vertici delle produzioni nazionali ma non solo.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.