Azienda Agricola Terre di Salemi: Menzione d’Oro per il Nero d’Avola al 16° Concorso Internazionale

0

Un altro grande riconoscimento per i vini siciliani. Menzione d’onore per il “Villaragut Barone di Mandralia” Sicilia Igt Nero d’Avola, prodotto dall’azienda agricola “Terre di Salemi“. Il premio è stato conseguito in occasione del 16° Concorso Internazionale Vini di Montagna, svoltosi a Saint Vincent dal 2 al 4 luglio, organizzato da Cervim, centro di ricerca, studi, salvaguardia, coordinamento e valorizzazione per la viticoltura montana. Il concorso è riservato ai “vini eroici”, prodotti in montagna o nelle piccole isole, in zone di forte pendenza o su terrazzamenti.

Il vino, che prende il nome da un’antica famiglia storica ungherese, trasferitasi a Salemi, nasce dai vigneti coltivati lungo la collina dove si erige il maestoso castello Arabo – Normanno. Da alcuni decenni i discendenti Villaragut hanno messo in atto un’intensa opera di conversione colturale di queste terre, dapprima coltivate a seminativo ed in gran parte a pascolo, che hanno dato origine a vigneti di altissima qualità.

L’edizione 2008 del concorso è stata realizzata in collaborazione con l’Assessorato all’Agricoltura e Risorse Naturali della Regione Autonoma Valle d’Aosta, c dell’Union Internationale des OEnologues e dell’ Associazione Enologi Enotecnici Italiani e il patrocinio dell’O.I.V. (Organisation Internationale de la Vigne et du Vin).  Quest’anno sono stati circa 600 le tipologie di vino, proveniente da tutto il mondo, ad essere valutate dalle 6 commissioni, formate da tecnici del settore, degustatori esperti e giornalisti specializzati italiani e stranieri. La premiazione dei vini vincitori si terrà il 6 settembre al Parco della Mandria di Venaria, Torino.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.