Conclusi ad Alba i primi tre giorni di Vinum

0

Dopo la consegna della “Cantina di Vinum” (200 bottiglie) al Presidente della Juventus, Giovanni Cobolli Gigli, Vinum 2008 ha aperto ufficialmente le porte ai tantissimi enoappassionati venerdì 25 aprile. Il Convegno inaugurale, svoltosi presso la sala consiliare del Municipio di Alba, ha dato inizio ai primi tre giorni della rassegna, che hanno affollato Alba e consolidato la vocazione enologica della città. Sole primaverile, temperature gradevoli, tanti appassionati, numerosi espositori.

In uno degli ampi stand allestiti in Piazza Risorgimento, cuore pulsante della manifestazione, il protagonista è stato l’olio extravergine di oliva. La Camera di commercio di Imperia, ospite a Vinum nel weekend di apertura, ha rappresentato il volto articolato di una provincia, già ampiamente conosciuta per il Casinò e le sue spiagge, ma che può vantare un talento trasversale, storico-culturale, gastronomico, turistico.

Consensi e successo non hanno risparmiato neppure la seconda giornata della manifestazione. Presso il foyer del Teatro Sociale si è data ampia risonanza al Dolcetto,  una  varietà storica del Piemonte, per lungo tempo tra le più appetite dai consumatori, ma che oggi deve fare i conti con una tendenza al consumo di vini più accattivanti nell’immagine, attraverso una monografia dal titolo “Dolcetto: il vino della sacralità quotidiana”.

Ospiti di Vinum con un unico grande stand polifunzionale in Piazza San Francesco sia nel weekend di apertura che nella seconda parte della manifestazione (da l’1 al 4 maggio), le 12 Enoteche Regionali hanno accolto i tanti visitatori con un banco d’assaggio assai fornito, con un ventaglio molto ricco di materiale divulgativo (libri, mappe, brochure, cataloghi), e con una sala di degustazione completamente adibita alle degustazioni guidate.

Le aziende del Piemonte hanno presentato la loro produzione negli ampi locali del Palazzo Mostre e Congressi, dove gli enoturisti hanno potuto apprezzare vini di qualità un’ atmosfera accogliente e funzionale.

La prima domenica della rassegna è stata animata dal programma di eventi organizzati dalle 5 Enoteche regionali del territorio albese (Barolo, Barbaresco, Grinzane Cavour, Roero, Colline del Moscato d’Asti e Asti Spumante, più di centomila visitatori nel 2007), che con degustazioni, passeggiate in vigna, approfondimenti e cene gastronomiche, hanno spinto i visitatori a viaggiare per le colline.

A godersi le eccellenze di Vinum pure Gioacchino Bonsignore, giornalista, volto televisivo del TG5 e curatore della rubrica enogastronomica Gusto. Accompagnato dal Presidente di Go Wine, Massimo Corrado, e dall’Assessore al Turismo della città albese, Raffaella Delsanto, ha visitato numerosi produttori, degustando vini e cibi rari.

Vinum si riconferma dunque come manifestazione di riferimento nel panorama enologico e ora non resta che attendere giovedì primo maggio, giornata inaugurale della seconda sessione di Vinum, quella dedicata anche ai vini di Langa e Roero,  provenienti da tutta Italia e a quelli di Chateauneuf-du-Pape.

Share.

Leave A Reply

NON PERDERTI NULLA!
 Iscriviti alla Newsletter
Puoi essere il primo a ricevere aggiornamenti e contenuti esclusivi direttamente nella tua casella di posta.
Iscrivimi
Prova, ti puoi cancellare in un qualsiasi momento. Niente SPAM, una sola email alla settimana.